Il Museo civico Duilio Cambellotti di Latina è situato sulla piazza San Marco nell’edificio dell’ex Opera Nazionale Balilla.
Il museo è stato creato nel 2005 e raccoglie numerose opere dell’artista che testimoniano la sua attività nel territorio di Latina e pontino: sculture, disegni, tempere, xilografie, ceramiche, libri, medaglie, manifesti e documenti vari.
L’edificio in cui ha sede il museo è composto da due piani con annessa una palestra. Dagli anni Trenta l’edificio ha assolto a diverse funzioni e usi fino a diventare negli anni ’50 e ’70 del Novecento palestra per le scuole ospitate presso Palazzo Emme e, infine negli anni ’80, sede distaccata del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma.
Nel 1984 nell’edificio viene allestita la mostra Duilio Cambellotti scultore e l’Agro Pontino. Da quel momento il rapporto tra Cambellotti e Latina diventa più stretto e a distanza di un decennio alcune sue opere vengono esposte alla Galleria civica di Arte Moderna e Contemporanea. Da questo nucleo originario di opere nasce il museo nel suo allestimento odierno. Nucleo centrale del museo sono i cartoni originali e i bozzetti a tempera che raccontano l’iter creativo della Redenzione dell’Agro del 1934.
Oggi, nell’ambito del progetto di valorizzazione del territorio pontino e grazie alla rete dei Musei della città di Fondazione il centro ha assunto un riferimento per la promozione turistica e per la costruzione di una memoria collettiva ed identitaria della città.
L’allestimento è disposto in diverse sale che ricostruiscono la storia artistica di Duilio Cambellotti. Il nuovo allestimento è disposto su cinque aree divise ed offre una narrazione visuale del valore estetico e sociale espresso dal linguaggio dell’artista.
Una sala è dedicata all’opera grafica e al lavoro di illustrazione libraria dell’artista che nel 1901 si classificò al terzo posto del concorso indetto da Alinari per le illustrazioni della Divina Commedia. Nella seconda sala sono esposti i più significativi disegni e bozzetti preparatori delle più importanti opere decorative, scultoree e scenografiche. In questi lavori emerge prepotente il legame dell’artista con il mondo rurale.
In una parte del percorso espositivo si trovano molte delle opere legate alla scultura e all’incisione nonché ai lavori realizzati in ceramica. L’esposizione prosegue anche in quella che era la palestra dell’immobile in cui sono proposte le opere dell’artista che maggiormente richiamano alle sue fonti d’ispirazione: la civiltà romana, i suoi miti, la campagna.

CONTATTI
Museo civico Duilio Cambellotti – piazza San Marco 3, 04100 Latina (LT)
Tel.: 0773.486916 – 0773.661821
email: culturaturismosport@comune.latina.it
sito web: www.museocambellotti.it/

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.