Il Palazzo Farnese di Gradoli è un palazzo rinascimentale sia nella costruzione architettonica che nella realizzazione decorativa delle stanze. Queste ultime sono abbellite con affreschi parietali di pregio e soffitti lignei a cassettoni. I soffitti sono decorati con soggetti iconografici che contengono complicati significati simbolici e che fanno spesso riferimento alla corrente neoplatonica, riferibile a questo periodo. Accanto ai motivi floreali e alle scenette di contenuto mitologico-allegorico è possibile ammirare i riferimenti araldici alla famiglia Farnese.
Sulle pareti fanno comparsa numerose grottesche tipiche dell’epoca. La pittura murale, in riferimento all’aspetto delle decorazioni, documenta la presenza di maestranze provenienti dai grandi cantieri romani del secondo decennio del Cinquecento. Le pitture di Gradoli rappresentano un’importante traccia della storia della pittura palaziale rinascimentale, in continuità ideale con il cantiere romano che vide notevoli maestranze orbitare intorno alla figura del senese Baldassarre Peruzzi.
Il Palazzo ospita il Museo del costume farnesiano, istituito nel dicembre del 1998, che espone una collezione di attente riproduzioni di abiti ed accessori tra biancheria, gioielli, copricapo, guanti, calzature, borse e ventagli, che delineano la storia della moda nella Tuscia tra il XV e il XVII secolo.
A tale periodo risalgono anche le armi e le armature che completano l’esposizione.

CONTATTI
Museo del Costume farnesiano – piazza Luigi Palombini 2, 01010 Gradoli (VT)
Tel.: 0761.456082
email: bibliotecadigradoli@libero.it
sito web: https://www.simulabo.it/i-musei-del-sistema/museo-del-costume-farnesiano-gradoli/

 

 

 

 

 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.