Museo della Ceramica della Tuscia

Aperto al pubblico dal 1996 per iniziativa della Fondazione Carivit e del Comune di Viterbo , il museo è ospitato nei locali al piano terra di Palazzo Brugiotti.
La collezione in esposizione è di 447 reperti. Il percorso si articola in sette sale espositive che ricostruiscono il percorso evolutivo delle varie tipologie di ceramiche prodotte nell’Alto Lazio dal XIII al XIX secolo.
La sezione maggiormente rappresentata è quella medievale, nella quale è possibile ammirare varie tipologie di ceramiche: a semplice impasto, dipinta sotto vetrina, la maiolica arcaica di colore bruno e verde, la zaffera e il verde a rilievo.
Completano la collezione le sezioni dedicate alla ceramica rinascimentale, alla spezieria, alla raccolta dell’antica farmacia dell’Ospedale Grande degli Infermi di Viterbo, del periodo XVI e XVII secolo e le Ceramiche da Spezieria e d’Amore del XV e XVI secolo.

CONTATTI
Museo della Ceramica della Tuscia – via Cavour 67, 01100 Viterbo (VT)
Tel.: 0761.223674
Sito web: museodellaceramicadellatuscia.it/

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.