Museo della Preistoria della Tuscia e della Rocca Farnese

Il Museo della Preistoria della Tuscia è ospitato nella Rocca Farnese, simbolo difensivo della città di Valentano in epoca medievale, recentemente restaurata e recuperata fino alla sua riapertura al pubblico nel 1996, come sede del museo.
La Rocca Farnese, i suoi cortili, le sue logge, le sue stanze, rappresentano di per sé un percorso visita di notevole pregio e un viaggio attraverso la storia e l’architettura del Palazzo, che si snoda fra il Cortile d’Amore, con il pozzo dell’architetto Antonio da Sangallo il Giovane e la celebre Scala Santa, riproduzione di una delle più emblematiche reliquie della cristianità, la Scala Santa di San Giovanni in Laterano, abbellita dagli affreschi cinquecenteschi della Passione di Cristo.
Il Museo conserva una splendida collezione con manufatti preistorici provenienti dai più importanti siti dell’Alto Lazio. I reperti appartengono ad un ampio arco cronologico che spazia dal Paleolitico con il sito di Settecannelle, l’insediamento di Poggio Olivastro per il Neolitico, le necropoli di Selvicciola per l’Età del Bronzo.
Tra tutti spicca l’insediamento palafitticolo del Lago di Mezzano, sempre databile all’Età del Bronzo, oggi interamente sommerso. Un piccolo specchio d’acqua, quest’ultimo, nel cuore della Caldera di Latera.
Nel corso di ricerche durate anni dal lago sono emersi reperti di notevoli interesse archeologico, numerosi vasi di ceramica, vari strumenti di lavoro in bronzo, come asce e due bellissimi spilloni ornamentali. Da menzionare due splendide spade realizzate in bronzo dorato, non come oggetti di offesa ma di offerta.
Il percorso espositivo continua al secondo piano della Rocca ed è dedicato allo sviluppo di Valentano e del territorio limitrofo. Secondo un itinerario che propone reperti dall’Alto Medioevo fino all’Età contemporanea, il museo colleziona numerosissime ceramiche. Molto interessanti quelle quattrocentesche dai colori giallo e blu cobalto e con figure antropomorfe, appartenenti alla scuola viterbese e le ceramiche delle Famiglie Farnese e Orsini.
Nella Torre Ottogonale della Rocca è custodita la collezione etrusca D’Ascenzi, una raccolta di reperti provenienti dall’area vulcente, tarquinese e ceretana.
Sempre nella Torre si può ammirare uno straordinario reperto di età preistorica, la cosiddetta “tavoletta enigmatica” della Caldera di Latera,
piccolo manufatto in terracotta con segni il cui significato risulta ancora ignoto, esemplare tra i 324 rinvenuti in tutta l’area del centro Europa, interessata da questo fenomeno.

CONTATTI
Museo della Preistoria della Tuscia e della Rocca Farnese – piazza della Vittoria 11, 01018 Valentano (VT)
Tel.: 0761.420018
Email: info@museovalentano.it
Facebook: https://www.facebook.com/MuseoDellaPreistoriaDellaTusciaEDellaRoccaFarnese/
Sito web: https://www.museovalentano.it/

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.