Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina

Il museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina ha sede all’interno di Porta San Pancrazio, sul Gianicolo a Roma. A seguito di un lungo intervento di recupero e valorizzazione il complesso monumentale di Porta San Pancrazio è stato riaperto al pubblico nel 2011 e inaugurato il Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina che, attraverso documenti storici, opere d’arte, materiali multimediali e didattici ripercorre una delle tappe principali del Risorgimento italiano, raccontando l’esperienza della Repubblica Romana del 1849.
Il percorso museale si snoda lungo i quattro piani dell’edificio, guidando il visitatore alla scoperta dei luoghi, delle giornate e dei protagonisti di quegli anni di grande cambiamento e fermento politico, sui quali spicca tra tutte la figura di Garibaldi.
Busti, dipinti, incisioni e cimeli garibaldini e ancora plastici e un ricchissimo apparato multimediale ricostruiscono  pagine storiche di grande cambiamento, dai moti europei del 1948, alla fase liberale di Pio IX e alla sua fuga a Gaeta, dalla proclamazione della Repubblica Romana fino al suo tragico epilogo nel luglio del 1849, con l’intervento della Francia di Napoleone Bonaparte che ricostituì l’ordine pontificio.
Sala dopo sala vengono raccontati in modo suggestivo tutti gli eventi storici più importanti fino a quei giorni di scontri durissimi tra le truppe romane e il ben più numeroso esercito francese. Alcune sale in particolare sono dedicate ai principali protagonisti che in quelle giornate di difesa della Repubblica Romana persero la vita, quali Luciano Manara e Goffredo Mameli.
Nella primavera ed estate del 1849, quando le truppe militari francesi posero la città di Roma sotto assedio per un intero mese, Porta San Pancrazio rivestì un ruolo di primaria importanza nella difesa della capitale capeggiata da Giuseppe Garibaldi. L’attuale monumento, distrutto durante gli eventi della Repubblica Romana, fu costruita nel 1854-57 dall’architetto Virginio Vespignani. Il museo è stato aperto al pubblico già nel 1976 con due sezioni dedicate alla storia garibaldina risorgimentale.

CONTATTI
Museo della Repubblica e della Memoria garibaldina – largo di Porta San Pancrazio, 00165 Roma (RM)
Tel.: 060608
Facebook: https://www.facebook.com/MuseoRepubblicaRomanaMemoriaGaribaldina/
Sito web: www.museodellarepubblicaromana.it/

 

 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.