Ner core de Roma, festeggiando i 150 anni di Trilussa

I versi di Trilussa, riecheggiano e si sparpagliano lungo i vicoli di quella Roma bella e maledetta dove nacque e visse dal lontano 26 ottobre 1871. Nel suo centocinquantesimo compleanno, passeggiamo “con lui” a Trastevere nella città che ha amato e criticato, cantato e ironizzato.

Trilussa, anagramma di Salustri, il cognome del sommo poeta, scrittore e giornalista romanesco, è nato nel Rione Campo Marzio, nella casa in via del Babuino dove incontriamo la targa apposta 50 anni fa per celebrarne il centesimo compleanno.

foto da Twitter @GiannoccoM

Non lontano, un’altra targa ricorda la casa-studio dove visse e lavorò il celebre poeta fino alla morte, apposta in via Maria Adelaide di Savoia 7 nel quarto anniversario della sua scomparsa. Qui leggiamo l’incipit della sua poesia “La strada mia”:

La strada è lunga, ma er deppiù l’ho fatto:
so dov’arrivo e nun me pijo pena.
Ciò er core in pace e l’anima serena
Der savio che s’ammaschera da matto.
Se me frulla un pensiero che me scoccia
Me fermo a beve e chiedo ajuto ar vino:
poi me la canto e seguito er cammino
cor destino in saccoccia.

Caricatura di Trilussa di Musacchio [foto www.museodiromaintrastevere.it]

Ma chi era davvero Trilussa? La sua vita in questo loft è narrata nella Stanza di Trilussa, la videoinstallazione nel Museo di Roma in Trastevere, a piazza Sant’Egidio, che proietta quattro aspetti della sua personalità poliedrica: l’uomo pubblico, l’uomo privato, il poeta e disegnatore dilettante, le amicizie e la passione per le donne. I quattro quadri animati svelano la sua essenza attraverso fotografie, lettere, giornali, disegni e filmati, mentre alcuni oggetti ne completano il tratteggio.

Passeggiando a Trastevere “ner core de Roma”, arriviamo a piazza Trilussa, davanti a ponte Sisto. Fino al 1952 era infatti nota come piazza ponte Sisto e ospitava la ricostruzione del 1898 dell’antica fontana in via Giulia realizzata nel 1613 dal Vasanzio e Giovanni Fontana. Dal 1954, si contende la piazza con la Statua di Trilussa. Lorenzo Ferri scolpì il bronzo ritraendo il poeta mentre recita in romanesco e accanto si legge “All’ombra”.

Trilussa morì a 79 anni e a pochi giorni dalla nomina di Senatore a vita, un omaggio alla sua enorme popolarità, e giace nel Cimitero Monumentale del Verano, anche qui accompagnato da una delle sue poesie più note in cui ci suggerisce che “Tutto sommato, la felicità è una piccola cosa.

foto da Facebook @informazionelibera0

Ci ha raccontato 50 anni di romanità descrivendo con ironia graffiante e languida malinconia usi e costumi, vizi e virtù della piccola borghesia romana, ha riscritto e attualizzato le favole di Esopo, ha raffigurato le stagioni e dato voce agli animali, e ha trasformato in parole immortali le emozioni e gli istinti che tutti provano, allora come oggi. Forse proprio perché raccoglie un così ampio spettro di argomenti e sentimenti in rime semplici che molti proverbi derivano dai suoi pensieri e molti suoi componimenti hanno “dato il La” ad altri artisti. Claudio Baglioni, con “Ninna nanna nanna ninna” riprende liberamente il testo de “La ninna nanna della guerra”, mentre Jovanotti in “Penelope” riassume il concetto trilussiano “del pollo” ne “La Statistica” con “Se io mangio due polli e tu nessuno statisticamente noi ne abbiam mangiato uno per uno”. Insomma, siamo al cospetto di un vero e proprio influencer del XX secolo, alto 2 metri… impossibile confonderlo in tutti i sensi!

Per vivere appieno le atmosfere trilussiane di Roma, approfittate fino al 30 novembre 2021 di “Più Notti, più Sogni” per soggiornare quasi gratis a Roma: 1 notte in omaggio se ne prenoti 3, e 2 in più se ne prenoti 5 in una delle 453 strutture aderenti nel Lazio!

Per maggiori informazioni:

Museo di Roma in Trastevere

Più notti, più sogni

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

100 sfumature di un secolo di Garbatella

I cento anni della Garbatella hanno disegnato superbe rughe nell’anima eclettica d’un quartiere strabordante di storia e arte, di tradizioni e romanità.

7 posti “al bacio” nel Lazio per San Valentino

Dove si può stare soli soletti a San Valentino nel Lazio? Ecco 7 posti “al bacio” riservati solo a voi e al vostro Amore! Buon San Valentino.

Il Carnevale goloso del Lazio

Nel periodo più colorato, allegro e divertente dell’anno, trasportati dalla leggerezza del carnevale scopriamo i ghiotti dolci della tradizione del Lazio.

Nel Lazio tra i 4 Carnevali Storici d’Italia

Tra i 48 Carnevali Storici italiani selezionati dal Ministero della Cultura, 4 sono nel Lazio. Scopriamo e viviamo i 4 borghi ospiti in Ciociaria e Tuscia.

Quando Mozart suonò a Civita Castellana

Il ricordo della visita di Mozart a Civita Castellana durante un viaggio in Italia. Nel Duomo di S.Maria Maggiore durante la Messa suonò lo straordinario organo

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 9 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!

Il pastorello di Vitorchiano che salvò Roma

I Musei Capitolini ospitano Lo Spinario, la statua raffigurante Marzio, pastorello di Vitorchiano seduto su una roccia intento a togliersi una spina dal piede.

Luoghi nel Lazio della Seconda Guerra Mondiale

Viaggiamo nel tempo alla scoperta dei luoghi della Seconda Guerra Mondiale nel Lazio, lentamente i borghi e la natura vi racconteranno le emozioni del tempo.