Ha un bel colore giallo oro, con sfumature tendenti al verde, l’odore è fruttato e il sapore vellutato, aromatico, dolce e uniforme: è l’Olio EVO Sabina, prodotto esclusivamente nel territorio della Sabina Reatina e Romana, a est del Tevere, DOP dal 1996.

Quest’olio è conosciuto da più di duemila anni.

Ne parlano Strabone, nel I secolo a.C., Catone e Orazio in quello successivo; e Galeno, il medico della corte imperiale di Marc’Aurelio, sembra che ritenesse l’olio della Sabina il migliore del mondo, anche per le qualità terapeutiche.

Non risale a duemila anni fa, ma supera certamente i mille, l’olivo di Canneto, affettuosamente noto come l’olivone, in origine di proprietà dell’Abbazia di Farfa, maestoso testimone dell’olivocoltura Sabina: il tronco ha una circonferenza di circa otto metri e la produzione degli anni migliori superava i dieci quintali.

I terreni ricchi di calcio, in grande pendenza, il clima mite, al riparo dal vento freddo di tramontana e l’abbondanza di acqua danno all’olio Evo Sabina DOP quel sapore morbido che lo rende buonissimo crudo, magari su una bruschetta calda, ma perfetto anche per qualsiasi cottura.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!