Con le sei contrade a contendersi il Palio sul dorso d’asino, il corteo storico in costume cinquecentesco e il carroccio trainato dai buoi della Maremma, il Palio delle Contrade ha superato il 50° compleanno ad Allumiere (Roma), delizioso borgo sul monte Elceto (monti della Tolfa) a un’ora e mezza da Roma.

Il Palio delle Contrade risale all’inizio del 1500, quando il senese Agostino Chigi, appaltatore delle miniere di allume dalle quali Allumiere trae il nome, riprodusse il folklore tipico di Siena nelle corse sugli asini nel piazzale antistante lo stabilimento.

Sono coinvolti anche altri paesi del Lazio, dell’Umbria e della Toscana, per i costumi, gli asini e gli sbandieratori.

Dal 1965 il Palio delle Contrade inizia la prima domenica dopo il 15 agosto in onore della patrona del paese, la Madonna Assunta in Cielo.

Il sabato c’è la “provaccia”, il giro di prova degli asini in gara la domenica mattina al Palio, che ha inizio dopo la Messa, la benedizione degli asini e la loro “punzatura” (numerazione).

La sfilata storica in costume cinquecentesco coinvolge oltre duecento figuranti: dame, cavalieri, armigeri, fantini, sbandieratori, trombettieri e tamburini che rappresentano le sei Contrade che si contendono il Palio in Piazza della Repubblica.

Durante la sfilata, l’esibizione degli sbandieratori coinvolge i giovani di Allumiere nei panni degli alfieri con i colori della propria contrada.

Ogni contrada allestisce un palco e, tra cori, canti e sberleffi, inizia la corsa degli asini montati a pelo (senza sella) per aggiudicarsi il palio o Cencio, fatto a mano da pittori locali su temi d’ogni genere.

Aggiudicato il “cencio”, la festa continua fino a tarda notte nella piazza della contrada vincitrice. Le sei contrade di Allumiere, Ghetto, Burò, Polveriera, La Bianca, Nona e Sant’Antonio, organizzano degustazioni di prodotti tipici locali con musica e danze popolari.

Per maggiori informazioni: FB @Palio-delle-Contrade-di-Allumiere 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

Più che colazione, brunch di Pasqua nel Lazio

La chiamano colazione di Pasqua ma somiglia di più a un brunch. Inizia appena svegli e finisce prima di tuffarsi sul divano, una vera maratona enogastronomica!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi