Dall’inconfondibile colore rosa acceso, quasi mattone, il prosciutto cotto al vino di Cori vanta un’antica tradizione e un sapore genuino arricchito dalle essenze erbacee locali, la salvia e il rosmarino. È tra i prodotti laziali iscritti nell’Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali. I produttori locali hanno ricevuto di recente la De.Co. (Denominazione Comunale).

Senza additivi alimentari e salato a secco con il solo sale marino, è una delle eccellenze esclusive della tradizione contadina corese. È un prosciutto di pezzatura variabile da 10 a 13 kg circa, prevalentemente con l’osso, la cui peculiarità è la modalità di preparazione: dopo un periodo di stagionatura di almeno 16 mesi, la coscia di suino viene avvolta nel fieno di erba medica, salvia, rosmarino, e immerso nel vino bianco (Bellone); poi viene cotto al forno per 5-7 ore.

Il suo sapore aromatico rende particolarmente apprezzato il prosciutto cotto al vino di Cori che, agli inizi del Novecento, era detto “Prosciutto della Madonna” perché prodotto a maggio, in tempo per celebrare la Festa della Madonna del Soccorso nella seconda domenica.

La zona interessata alla produzione è solo Cori, sulle pendici del Monti Lepini e di fronte al mare, a poca distanza da Latina.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Lazio, terra di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Nel Lazio sono 9 i riconoscimenti inclusi nelle liste materiali e immateriali dell’UNESCO. Eredità di eccezionale valore universale per il mondo intero.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.