Con la pasta a struttura molto fine e un colore bianco marcato, la ricotta romana DOP ha un caratteristico sapore delicato e dolciastro che la distingue da ogni altra.

Prodotto d’eccellenza con Denominazione di Origine Protetta dal maggio 2005, identificabile dal logo con una testa di ovino e le scritte giallo/rosso ‘ricotta’ e ‘romana’, è un latticino ottenuto esclusivamente dal siero di latte intero di pecora.
La lavorazione e trasformazione del prodotto, come anche il siero, componente liquida della coagulazione del latte, devono essere esclusivamente del Lazio.

Prodotta principalmente nell’Agro Romano tra novembre e giugno, le razze ovine da cui deriva il latte intero sono la Sarda, la Sopravvissana, la Massese, la Comisana e i loro incroci, alimentate per il 10% con foraggio e per il 90% in pascolo.

La confezione è quella tradizionale, piccoli cestelli una volta di fibre naturali, oppure carta pergamena. Per salvaguardarne la freschezza ora si usa anche il confezionamento sottovuoto.

I primi cenni storici sulla Ricotta romana risalgono alla descrizione delle tecniche casearie fornita da Columella, agronomo romano del I secolo a.C., nel “De Re Rustica”. Si narra anche che San Francesco abbia insegnato ai pastori del luogo le tecniche di produzione di questo prezioso prodotto caseario fresco.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.