In una natura incontaminata tra colline verdeggianti e boschi secolari troviamo il suino nero reatino, allevato allo stato brado e semibrado, che si nutre prevalentemente di frutti di bosco come ghiande, castagne, funghi e tuberi.

Il costante movimento del pascolo consente alle carni di ossigenarsi in continuazione, e agli animali di aumentare di peso lentamente, in 16/18 mesi prima di procedere alla macellazione, contro i 6/8 mesi del suino bianco. Ne beneficiano il sapore e la consistenza.

La qualità delle carni risulta molto apprezzata e richiesta, il grasso in essa contenuta ne determina caratteristiche tali da conferire ai salumi, nella stagionatura tradizionale, un’eccellente qualità.

Gli insaccati come salsicce, prosciutto, guanciale, coppa e salame, sempre buonissimi, sono speciali come antipasto, accompagnati da un buon bicchiere di vino rosso locale.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!