La scafata ha origini molto antiche e nel periodo primaverile spesso si trovava sulla tavola dei contadini come piatto unico. Il nome deriva da “Scafi” che indica le fave intere con tutta la buccia. E’ una zuppa tipica della maremma Laziale e del Viterbese e viene anche chiamata “baggianata”.

Per gli ingredienti occorrono un kg di fave, un cespo di lattuga, 2 0 3 carciofi, 500 gr di bietola, olio extravergine di oliva, cipolla, peperoncino, 2 rametti di mentuccia.

Per la preparazione sbucciare le fave, pulire i carciofi, metterli a bagno in acqua acidulata per evitare che anneriscano. Nel frattempo in un tegame far soffriggere la cipolla tritata, con un filo di olio evo ed il peperoncino.

Aggiungere poi le fave, i carciofi tagliati a spicchi, la lattuga, la bietola spezzettata e le foglioline dei rametti di mentuccia.

Far insaporire 5 minuti e poi ricoprire il tutto con acqua o brodo vegetale, salare e far bollire e continuare la cottura a fuoco basso per circa 30/40 minuti.

Servirla calda e per arricchirla aggiungere delle fette di pane abbrustolito ed un filo di olio extravergine di oliva.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.