Strada del Vino e dei Prodotti Tipici delle Terre Etrusco Romane

Campi, uliveti e pascoli in terra di Etruschi, a pochi km da Roma. In quest’area fertile, di prodotti eccellenti definiti ‘perle della Campagna Romana’ già nei documenti del ‘500, La Strada del Vino e dei Prodotti Tipici delle Terre Etrusco Romane si snoda tra la costa, i laghi di Bracciano e Martignano, fino ad includere lo scenario affascinante e selvaggio dei Monti della Tolfa.

Non solo prodotti di altissima qualità, frutto di storia, esperienza e passione, ma anche uno straordinario contesto territoriale e di storia è il valore aggiunto per un itinerario slow: parliamo dei preziosi e suggestivi reperti archeologici della civiltà Etrusca nella Necropoli della Banditaccia a Cerveteri, sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco insieme alla necropoli di Tarquinia; dell’area archeologica marina dell’antica Pyrgi a Santa Severa, che ha restituito la lamina d’oro per comprendere lingua etrusca; dei centri storici di Cerveteri e Ceri, del borgo di Torre in Pietra, dei castelli di Palo Laziale e Bracciano, e della suggestiva e romantica area dell’antica città di Canale Monterano.

Non mancano oasi e riserve naturali: di Macchiagrande, di Palo, e di Macchiatonda, quest’ultima in uno scenario naturale da film western, tra pascoli aspri e le antiche tradizioni dei butteri; e i laghi vulcanici di Bracciano, ameno e punteggiato di piccoli borghi, e di Martignano, piccolo gioiello naturale incontaminato.

Il prodotto principe della Strada è il vino: i due DOC Cerveteri e Tarquinia e l’IGT Costa Etrusco Romana bianchi freschi e rossi profumati risentono del mare, vicinissimo, che mitiga con le sue brezze le calure estive e i rigori invernali. Del buon clima beneficiano però anche gli ottimi carciofi IGP di Ladispoli, e poi carote, finocchi e zucchine, tutti particolarmente sapidi e per la vicinanza del mare, e il “caciofiore” di Columella, un formaggio che viene prodotto ancora oggi seguendo la descrizione e la ricetta originaria data dal suo inventore Columella nel I secolo d.C., che da solo merita una lunga e saporita sosta.

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.