In uno scenario suggestivo pieno di colori cangianti Virgilio, Orazio e Stradone, indicano il territorio sabino come terra d’elezione di boschi, oliveti e vigneti.

Qui nascono i vini Colli della Sabina DOC dove il “bianco” presenta un colore giallo paglierino più o meno intenso; all’olfatto delicato, fruttato; sapore dall’asciutto all’amabile, armonico, con una gradazione minima di 11°.

 Il “rosso” invece si caratterizza per un colore rosso rubino vivace; all’olfatto intenso; sapore da secco ad amabile, con un gradazione minima di 12°.

L’area di produzione comprende il territorio pianeggiante e collinare che si estende dalla valle del fiume Tevere fino ai Monti Sabini con l’esposizione generale da sud ad ovest.

I vitigni idonei alla produzione del vino in questione sono la Malvasia del Lazio, il Trebbiano toscano, giallo per il vino bianco e il Sangiovese ed il Montepulciano per quelli rossi.

Ecco gli utilizzi perfetti: il Rosso accompagna primi piatti con sughi di carne e funghi, carni rosse e selvaggina e nella preparazione di carni stufate o destinate alla salagione. Il Bianco e’ più indicato per piatti a base di pesce, anche di lago, minestroni di verdure e formaggi giovani.

Un bel brindisi e buon appetito dalla Sabina.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!