La zona dei Castelli Romani vanta grandi doni di Bacco, come il Castelli Romani doc. La produzione vitivinicola si è diffusa in numerosi comuni grazie ad antiche tradizioni per la cultura del vino, una particolare vocazione dei terreni vulcanici, ricchi di sali e di fosforo, un ideale microclima e l’azione mitigatrice dei laghi.

La DOC «Castelli Romani» è riservata al vino bianco secco, amabile e frizzante; rosso secco, amabile, frizzante e novello; rosato secco, amabile e frizzante.
Il vino bianco, nelle varie tipologie, si ottiene dai seguenti vitigni: Malvasia (bianca di Candia e puntinata); Trebbiano (toscano, di Soave, verde e giallo). Presenta un colore paglierino; odore fruttato, intenso; sapore fresco, armonico, secco, talvolta frizzante e/o amabile, con un gradazione minima di 10,5°.
Il vino rosso, nelle varie tipologie, è ottenuto dai seguenti vitigni, usati da soli o congiuntamente: Cesanese, Merlot, Montepulciano, Nero Buono e Sangiovese, ai quali è consentito l’uso di altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione nella Regione Lazio, fino ad un massimo del 15%. Presenta un colore rubino; odore persistente, fruttato per il tipo novello; sapore fresco, secco, talvolta frizzante e/o amabile, vivace e fragrante per il tipo novello, con un gradazione minima di 11°.

Le zone tipiche di produzione sono: in provincia di Roma, Albano Laziale, Ariccia, Castel Gandolfo, Ciampino, Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Grottaferrata, Lanuvio, Lariano, Marino, Monte Porzio Catone, Nemi, Rocca di Papa, Rocca Priora, Velletri, Zagarolo, San Cesareo, Ardea, Artena, Montecompatri, Pomezia, Roma; in provincia di Latina, Cori, Cisterna di Latina, Aprilia.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Lazio, terra di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Nel Lazio sono 9 i riconoscimenti inclusi nelle liste materiali e immateriali dell’UNESCO. Eredità di eccezionale valore universale per il mondo intero.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.