Civitella d’Agliano, borgo medioevale collocato su un colle da cui domina la valle del Tevere e quella dei Calanchi. Un territorio caratterizzato da un abbondante verde, in cui il settore vitivinicolo occupa il primo posto, assieme alla coltura dell’olivo.

Già gli Etruschi coltivavano la vite in queste zone e la produzione era sufficiente ad alimentare un rilevante commercio esterno. La coltivazione della vite ebbe poi maggiore espansione con i Romani e continuò prosperosa tanto che nel 1860 nel dizionario storico-ecclesiastico fu scritto che “il territorio è ferace d’ogni genere e abbonda assai di viti”.

La denominazione Civitella d’Agliano è stata creata nel 1995 ed include vini che si basano sui vitigni di Malvasia del Lazio, Grechetto rosso, Trebbiano Toscano, Trebbiano giallo, Chardonnay.

La parte geografica per la produzione del vino si estende tra la parte pianeggiante e le colline del bacino dell’alta valle del Tevere, un territorio luminoso e ben ventilato ideale per un’ottima prosperità delle vigne e altrettanta produzione di vino.

Il vino «Civitella d’Agliano» “bianco”, anche nella tipologia “frizzante”, presenta un colore giallo, a volte tendente al dorato o al verdognolo; odore intenso, fruttato; sapore secco, sapido; gradazione minima di 10°. Il vino “rosso”, anche nella tipologia “frizzante”, si caratterizza per un colore rosso rubino più o meno carico, tendente al granato con l’invecchiamento; odore complesso, fruttato; sapore armonico, con gradazione di 10°. Il vino «Civitella d’Agliano» “rosso novello” ha un colore rosso rubino con riflessi violacei; odore complesso, fruttato; sapore armonico; gradazione minima di 11°. Il “rosato”, anche nella tipologia “frizzante”, presenta un colore rosato cerasuolo; odore fine, gradevole; sapore armonico, delicato, vellutato; gradazione minima di 10°.

Dal 2002, nel mese di luglio, in paese si svolge la festa del vino, denominata “Nelle terre del Grechetto”.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.