La produzione di lenticchie sull’isola di Ventotene si fa risalire al tempo dei Romani e la loro coltivazione ancora oggi viene fatta rigorosamente a mano e utilizzando attrezzi artigianali nel rispetto delle antiche tradizioni.

La lenticchia di Ventotene si distingue da quelle di altra provenienza per le dimensioni più piccole, il colore marrone chiaro venato di rosa, l’aroma intenso ed il gusto dolce.

Gli isolani  consigliano di non tenerlo a bagno prima della cottura per preservare le sue qualità nutritive.

La ricetta è semplice e non richiede particolari attenzioni, ma è preferibile realizzarla in un recipiente di coccio nel quale vanno fatti cuocere per circa un’ora tutti gli ingredienti: 400 gr di lenticchie; 50 gr di lardo; sedano; 3 pomodori freschi ; 1 spicchio di aglio; olio extra vergine di oliva qb. A fine cottura aggiungere qualche foglia di basilico ed aggiustare di sale.

Oltre che per la preparazione della classica zuppa di lenticchie alla ventotenese, vengono preparate in abbinamento a ricette a base di pesce e molluschi come cozze, moscardini e polipetti.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!