La mentuccia, nota anche come nepetella, è un’erba aromatica che cresce spontaneamente nei prati ma può essere coltivata anche in vaso o nell’orto. Nella maremma laziale, veniva usata molto spesso per la preparazione di una zuppa molto semplice ma saporita.

Una curiosità associata alla mentuccia è che, in alcune zone della Tuscia, veniva raccolta il Sabato Santo e deposta in un piatto con delle uova rotte. Dopo la benedizione del Sacerdote veniva fatta una frittata chiamata “Santa” in quanto si credeva che la mentuccia fosse la prima cosa che la Madonna mangiò dopo il digiuno dovuto alla Crocefissione di Cristo.

Per gli ingredienti della zuppa occorrono circa 500 g di pomodori freschi, aglio, olio extravergine di oliva, mentuccia fresca, peperoncino, sale, pane raffermo e pecorino.

Per la preparazione, in un tegame far soffriggere in olio extravergine due spicchi d’aglio e il peperoncino, subito dopo unire i pomodori tagliati a pezzetti. Lasciar cuocere a fuoco lento avendo cura di conservare una quantità sufficiente di liquido per inzuppare il pane.

A metà cottura aggiungere una dose abbondante di mentuccia fresca.

A cottura ultimata, versare la zuppa sulle fette di pane deposte nel piatto spolverandole con una dose generosa di pecorino.

 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!