A caccia di adrenalina con il torrentismo nel reatino

Siete alla ricerca di un’attività diversa dal solito? Indecisi tra alpinismo, trekking o sport acquatici? Vi suggeriamo il torrentismo, un mix di adrenalina, emozioni e divertimento.

Quindi muniti di muta e calzari in neoprene, caschetto da speleologo, scarponi da escursionismo, imbragatura, moschettoni e discesore, corde idrorepellenti, giubbotto salvagente, si parte alla scoperta delle forre nel reatino che vanno da quelle semplici e meno tortuose, adatte anche per i principianti alla prima esperienza, a quelle più estreme, percorribili solo da torrentisti esperti.

Fosso Cavalli

Il Fosso dei Cavalli è ritenuto il canyon più bello e impegnativo del Lazio, si tratta di una lunga forra scavata nella roccia calcarea che parte dal Monte Terminillo, a quota 1524 m.s.l.m., e termina con la Valle Scura, a quota 914 m.s.l.m, nell’abitato di Sigillo di Posta.

Per raggiungere il Fosso dei Cavalli si deve percorrere un lungo itinerario di avvicinamento certamente di grande impegno fisico, ma in ambiente integro ed incontaminato che da solo ripaga gli sforzi compiuti.
La principale portata d’acqua giunge dal Fosso della Tana, “ramo destro”, con una successione ininterrotta di salti, si snoda fino ad arrivare ad un grande salto da 95 metri per poi proseguire con verticali meno costanti fino ad un ultimo tratto molto incassato; per questo fosso, molto tecnico, la progressione richiede estrema preparazione ed esperienza.

Fosso di Ortanza, Monti della Laga

Fosso di Ortanza, Monti della Laga – © auaa.it

I Monti della Laga sono solcati da innumerevoli fossi, ricchi d’acqua nella tarda primavera ed in estate, quando i nevai sono sciolti. Il fosso di Ortanza è uno dei canali che incidono più profondamente il versante laziale della Laga, che scende verso la parte alta del fiume Tronto; famose cascate, che in inverno diventano una chimera per i ghiacciatori.
Lunghi traversi su pendii erbosi a picco su balze rocciose, il dover percorrere tratti incassati dell’impluvio, alcuni passaggi di arrampicata fanno sì che l’itinerario sia riservato ad escursionisti esperti con un po’ di dimestichezza con la roccia.

Forra di Riancoli – ©VeronicaIovino

La forra di Riancoli, nel Parco Regionale del Monte Navegna e Cervia vicino al paese di Collalto Sabino, si sviluppa su una lunghezza di 2,2 km. All’inizio tranquillo torrente che lascia il passo a pareti ripide e scoscese, proprie dei canyon, oltre i quali la forra si trasforma in una stretta gola con l’acqua che aumenta di portata e velocità e dove inizia il vero divertimento: salti; tuffi e toboga (scivoli naturali di roccia) attraversando grandi vasche e le caratteristiche “marmitte”. Procedendo le pareti della forra si fanno sempre più verticali e l’acqua diventa sempre più “viva” e spumeggiante fino ad una cascata di circa 12 metri da discendere con la corda, il colpo d’occhio è veramente emozionante…

Forra della Mola – ©canyoning-italy

Nella Valle del Fiume Salto, nei pressi della località Balzi di Grotti – zona famosa per le tante falesie ricche di vie di arrampicata – troviamo la divertente e facile Forra della Mola, che deve il nome ai resti di un vecchio mulino. Qui è possibile effettuare discese con corda sotto scroscianti cascate, scivolare nei toboga, e tuffarsi in pozze d’acqua più o meno grandi. Non mancano un paio di elementi particolari: un sifone e uno splendido tunnel ipogeo, due vere ciliegine su una torta di per sé già gustosa.

Montagna, rocce, forre, acqua nel reatino ce ne sono in abbondanza ad attendervi per tante emozioni ed avventure ad alto tasso adrenalinico…

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I segreti sotterranei nei Connutti a Vignanello

Andiamo alla scoperta dei segreti sotterranei nei Connutti di Vignanello, gli straordinari spazi ipogei recuperati e resi fruibili con le visite guidate.

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Il Pantheon e i petali rossi alla Pentecoste

Dall’oculus sulla cupola del Pantheon scendono migliaia di petali di rose rosse alla Pentecoste. Il 19 maggio 2024 alle ore 12:00 inizia lo spettacolo.

Un cuore di fragola dolce come la Mamma

Maggio, tempo di fragole alla Festa della Mamma. Tingiamolo di rosso con una passeggiata enogastronomica alla scoperta del cuore di fragola dolce come la Mamma!

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Fiori e farfalle per Mamma in 7 posti nel Lazio

Il 12 maggio è la Festa della Mamma! Ecco 7 posti nel Lazio dipinti dalla leggiadria di fiori e farfalle da vivere con la donna più speciale della vita.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

Scogliera, dinosauri e cosmo a Rocca di Cave?

A Rocca di Cave esiste un’escursione sulle tracce di un dinosauroper scoprire la storia millenaria del territorio. E la scogliera e il cosmo? Ecco la storia.

Un salto alle Cascate di Monte Gelato

Nella Valle del Treja c’è una meta ideale per ricaricarvi di energia positiva tra i boschi rigogliosi vicino a Mazzano Romano: le Cascate di Monte Gelato.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!