Nel territorio del Comune di Veroli, lungo la Via Maria che collega Frosinone a Sora, e nelle immediate vicinanze del Fiume Amaseno, sorge l’imponente Abbazia di Casamari. sorge la magnifica Abbazia di Casamari, avamposto benedettino dei monaci anacoreti nel 1096.

L’Abbazia fu edificata sui resti del municipio romano di Cereatae Marianae, dove nacque il celebre condottiero romano Caio Mario.

Nel XIII secolo venne costituito il nuovo ordine monastico dei cistercensi e la chiesa fu assegnata a loro, che nel 1203 edificarono un edificio in stile gotico cistercense, rifiutando eccessi decorativi e mirando alla assoluta purezza architettonica.

La chiesa, dedicata alla Vergine Assunta e cointitolata ai Santi Giovanni e Paolo, fu iniziata con la benedizione di Innocenzo III e consacrata, nel 1217, da Papa Onorio III. La parte interna, di grande sobrietà, è a tre navate con abside rettangolare e transetto con sei cappelle, al centro si trova il grande ciborio barocco, donato da Clemente XI nel 1711.

Questo complesso abbaziale rappresenta uno dei pochi modelli ancora integri dell’organizzazione spaziale prevista da Bernardo di Chiaravalle, grande riformatore dell’ordine benedettino.
La chiesa, infatti, come corpo di fabbrica più grande, affaccia a nord per riparare il resto del convento dal vento di tramontana. Il Chiostro, luogo di preghiera, d’incontro e di passaggio dei monaci, ha belle bifore, finemente ornate, e consente di accedere all’Aula del Capitolo, al Refettorio, ai campi e alle officine. Tra le sculture del coro ligneo, si nota, tra l’altro, un’altra figura che richiama anch’essa la simbologia massonica, Si tratta di un piccolo cigno intarsiato che s’incide il petto con il becco. Infine sulla lunetta del Portale dei Conversi è raffigurato l’emblema dell’Albero della Vita.

Nel grande complesso abbaziale, si trovano anche una fornitissima Biblioteca, un Museo-Pinacoteca, dove sono custodite suppellettili romane, dipinti di Carassi, Guercino, Sassoferrato, Serodine, Balbi, Purificato e Fantuzzi.

Nel cuore della ciociaria Casamari è un’ottima meta di turismo religioso. La visita all’Abbazia è libera, ed è regolata dal seguente orario: 9-12, 15-18.
Per maggiori informazioni: Abbazia Casamari 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.