Acquacotta con le “Erbarelle” alla viterbese

Le “erbarelle” nel Viterbese sono un insieme di verdure selvatiche, in genere quelle più coriacee e meno adatte a essere mangiate crude. Si raccolgono nei campi in autunno e in primavera la “caccialepre” (picridium volgare), il “crispigno” (sonchus oleraceus), la cicoria (cichorium intybus), l’“orecchio di lepre” (plantago lanceolata), il “pisciacane” (taraxacum officinalis) e la “pimpinella” (poterium sanguisorba).

Anticamente, l’acquacotta con le erbarelle era il piatto forte delle famiglie povere, soprattutto in tempo di guerra. Diversa la ricetta dell’Acquacotta della Maremma Viterbese.

Ingredienti: 1 kg di “erbarelle”, 1 grossa cipolla, 3 spicchi d’aglio, olio EVO, pomodori, peperoncino e pane raffermo.

La preparazione è semplice. Lavate accuratamente le verdure e cuocetele in un grosso tegame, meglio se di coccio, con acqua salata insieme all’aglio “vestito”, peperoncino, pomodori e cipolla. A cottura ultimata, versate l’acquacotta sopra le fette di pane raffermo, preferibilmente abbrustolite.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!