Antichi sentieri e una natura incontaminata in una terra antica, quella ciociara, più antica di quanto si pensi, lo raccontano i ritrovamenti archeologici risalenti a più di 800.000 anni fa! È una terra ricca di fascino e di secolari tradizioni. Un territorio che custodisce dei veri gioielli artistici, dalle certose alle abbazie, agli importanti siti archeologici, i borghi medievali, le sue città ricche di storia, rocche, castelli, grotte e verdi itinerari immersi nella natura. Tutto questo si sposa con i sapori genuini di una tradizione enogastronomica semplice, ricca e generosa.

Ma noi saremo a cavallo. E sceglieremo un percorso adatto al nostro splendido destriero che ci condurrà alla scoperta di questa meravigliosa terra laziale partendo quindi, dal Lago di Canterno, raggiungendo gli Altipiani di Arcinazzo e chiudendo con le terme di Fiuggi.

Al galoppo!

Il Lago di Canterno è lo specchio d’acqua della Ciociaria. L’airone cenerino, quello rosso, la gallinella d’acqua, le querce e i cerri. La natura sarà la vostra compagna di viaggio! Pur trovandosi nelle vicinanze di trafficate strade provinciali, il Lago di Canterno è riuscito a mantenere intatta tutta la sua atmosfera, per questa ragione il vostro galoppo sarà all’insegna del relax!
C’è chi ha conferito al lago l’appellativo di Lago Fantasma dovuto all’instabilità delle sue acque che periodicamente scomparivano. Questa “instabilità” continua a manifestarsi anche oggi, seppure in una maniera meno scenografica rispetto al passato ma ancora molto suggestiva. Basta osservare l’alberello solitario che si erge dalle sue acque. Nei periodi di piena appare sommerso e in quelli di secca ne fuoriesce interamente: è lui il testimone involontario del Lago Fantasma di Canterno.
Anche il vostro cavallo apprezzerà molto questa meta!

Dal lago agli altipiani, quelli di Arcinazzo.
Respirate a pieni polmoni, siamo nella “Svizzera italiana”, molto amata e frequentata addirittura dalla Hepburn, ma non è l’unica vip a passar di qui… e in molti casi a farci casa! Gli Altipiani di Arcinazzo si trovano nel cuore di un’area che offre molte attrazioni ambientali e culturali. Ma noi siamo sempre a cavallo, godiamoci per ora la natura che questo luogo incantato ci offre!
Siamo circondati dai Monti Affilani e dai Monti Ernici. Siamo tra le Valli del Sacco e dell’Alto Aniene. I Monti Scalambra e Altuino svettano eleganti con le loro cime. Le acque del fiume Aniene, le più buone e salubri dell’antichità, lambiscono questa terra.
Cavalchiamo e cavalchiamo, fino a quando il nostro compagno non vorrà fermarsi!

Siamo arrivati a Fiuggi.
Salutiamo il nostro amico che ci ha tenuto compagnia galoppando fino a qui e immergiamoci nelle storiche e affascinanti acque termali.
Avevamo iniziato all’insegna del relax il nostro viaggio, ebbene nello stesso modo lo termineremo, rilassandoci nelle terme della Ciociaria!

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

#CarbonaraDay, una giornata mondiale da postare

Il 6 aprile è il Carbonara Day, si celebra un piatto tipico del Lazio e un’icona della cucina italiana nel mondo. Postate la vostra Carbonara con #carbonaraday.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

Più che colazione, brunch di Pasqua nel Lazio

La chiamano colazione di Pasqua ma somiglia di più a un brunch. Inizia appena svegli e finisce prima di tuffarsi sul divano, una vera maratona enogastronomica!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

8 marzo e Giulia Farnese, la Bella della Tuscia

Giulia Farnese, la Bella, muore il 23 marzo 1524. Dopo 500 anni, scopriamone storia e aneddoti inattesi nella Giornata Internazionale della Donna, l’8 marzo.