Buon compleanno Cinecittà. La Fabbrica dei Sogni compie 84 anni

Gli studi cinematografici di Cinecittà sono i più importanti in Europa secondi al mondo dopo quelli di Hollywood, inaugurati il 28 aprile 1937 e realizzati su progetto dell’architetto Gino Peressutti.

Come la fenice sono nati dopo l’incendio che nel 1935 ha distrutto gli stabilimenti della Cines dove è stato prodotto il primo Kolossal “Quo Vadis” del 1913.

Sono stati definiti come la “fabbrica dei sogni”, sorti sulla via Tuscolana che dal dopoguerra ha visto l’evoluzione della rete dei trasporti urbani, dai primi autobus immortalati nel film interpretato da Anna MagnaniBellissima”, alla Metropolitana che li collega al centro di Roma.

Fellini li considerava un pò la sua casa e simboleggiano anche la spensieratezza degli anni del dopoguerra, del boom economico e del nostro Cinema neorealista.

Tra momenti di gloria alternati ad altri meno felici, Cinecittà ha fatto da cornice a successi intramontabili del nostro cinema come i colossal “Quo Vadis” , “Ben Hur”, “Cleopatra”, “I Vitelloni”, “La dolce vita” dove Anita Ekberg ha recitato con Marcello Mastroianni, “Mamma Roma”, “Roma Città Aperta”, “Bellissima”,” 8 e ½”, “Il vigile” e più recentemente, Il padrino – Parte III di Francis Ford Coppola, Daylight – Trappola nel tunnel, Il paziente inglese, Gangs of New York, Baaria, Mission impossibile 3, La leggenda del pianista sull’oceano,  La passione di Cristo di Mel Gibson.

Da qui sono passati Ettore Scola, Sergio Leone, Luchino Visconti, Anna Magnani, Roberto Rossellini,  Vittorio De Sica, Sophia Loren, Gina Lollobrigida, Claudia Cardinale, Pier Paolo Pasolini, Pietro Germi, Marcello Mastroianni, l’Albertone nazionale, Francis Ford Coppola e Martin Scorsese.

Hanno ospitato, persino, due edizioni dell’assegnazione dei premi David di Donatello e nel 2000 sono stati la location della “casa” della prima edizione del reality show “Grande Fratello”.

Per celebrarne la grandezza è stata istituita la mostra permanente: “Cinecittà si Mostra” che ripercorre la storia del Cinema Italiano attraverso un allestimento di fotografie, l’esposizione di cimeli e costumi originali indossati da grandi star, proiezione di film, il viale Broadway, la Palazzina Fellini, la ricostruzione di set cinematografici, tra cui una scenografia ispirata a “C’era una volta in America”.

E’ stato qui collocato anche il “Museo italiano dell’audiovisivo e del cinema”.
Cinecittà è dunque la leggenda italiana che la televisione e altri strumenti tecnologici non sono riusciti ad oscurare.

Pertanto, gli auguri sono ben meritati!

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

100 sfumature di un secolo di Garbatella

I cento anni della Garbatella hanno disegnato superbe rughe nell’anima eclettica d’un quartiere strabordante di storia e arte, di tradizioni e romanità.

7 posti “al bacio” nel Lazio per San Valentino

Dove si può stare soli soletti a San Valentino nel Lazio? Ecco 7 posti “al bacio” riservati solo a voi e al vostro Amore! Buon San Valentino.

Il Carnevale goloso del Lazio

Nel periodo più colorato, allegro e divertente dell’anno, trasportati dalla leggerezza del carnevale scopriamo i ghiotti dolci della tradizione del Lazio.

Nel Lazio tra i 4 Carnevali Storici d’Italia

Tra i 48 Carnevali Storici italiani selezionati dal Ministero della Cultura, 4 sono nel Lazio. Scopriamo e viviamo i 4 borghi ospiti in Ciociaria e Tuscia.

Quando Mozart suonò a Civita Castellana

Il ricordo della visita di Mozart a Civita Castellana durante un viaggio in Italia. Nel Duomo di S.Maria Maggiore durante la Messa suonò lo straordinario organo

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 9 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!

Il pastorello di Vitorchiano che salvò Roma

I Musei Capitolini ospitano Lo Spinario, la statua raffigurante Marzio, pastorello di Vitorchiano seduto su una roccia intento a togliersi una spina dal piede.

Luoghi nel Lazio della Seconda Guerra Mondiale

Viaggiamo nel tempo alla scoperta dei luoghi della Seconda Guerra Mondiale nel Lazio, lentamente i borghi e la natura vi racconteranno le emozioni del tempo.