Casa delle Antiche Scatole di Latta a Gerano

A Gerano c’è un luogo magico che ha il profumo della memoria: la Casa delle Antiche Scatole di latta.

È una mostra nata per caso dalla passione della sua ideatrice, Marina Durand De La Penne. Dopo aver ricevuto in dono un bidone della Saiwa, la casa dolciaria fondata a Genova nel 1900, si è dedicata alla ricerca di altre scatole di latta tra mercatini e negozi d’antiquariato. Riuscì così a collezionare più di 1000 scatole di latta, tutte italiane e prodotte tra il 1890 e il 1950. Questa passione le nacque dal desiderio di conservare, promuovere e valorizzare il patrimonio culturale custodito in questi semplici oggetti d’epoca di uso quotidiano.

Inaugurato l’11 novembre 2000, il Museo Italiano dedicato alle Scatole di Latta, è un viaggio a ritroso nel tempo. Sembra di entrare in un vecchio negozio d’inizio Novecento. Gli oggetti sono raggruppati in ordine cronologico e suddivisi per temi temi: I Reali di Savoia, l’Anno Santo, gli Illustratori, la monarchia, il fascismo, la campagna d’Africa. Spiccano le storiche ditte come Talmone, Unica, Venchi-Unica e alcune forme particolari, come cestini o torte postali.

Merita sicuramente di essere citata una confezione datata 11 marzo 1929. Firmata da Gabriele d’Annunzio, definisce i biscotti come migliori di quelli prodotti dai concorrenti inglesi.

La storia d’Italia è raccontata da queste scatole di cioccolata, caramelle, cacao e biscotti. Scorrono sotto agli occhi le mode dell’epoca, i cambiamenti storici e artistici, l’evoluzione della grafica e della pubblicità.

Si può persino lasciare “in questi scrigni magici” un bigliettino con un personale desiderio.

Prenotate la vostra visita gratuita.
Venerdì: 10.00-13.00 – Sabato e domenica: 10.00-13.00 / 15.00-19.00
Via del Palazzo, 8 – 00025 Gerano (Roma) – Tel: +39 3487960033
Mail: scatolemarina@hotmail.com

Dopo aver ripercorso con nostalgia un’Italia di altri tempi, possiamo approfittiamo per conoscere Gerano, piccolo borgo a 502 m di altezza posto su un colle tufaceo dei Monti Ruffi, circondato da boschi di castagni, uliveti e vigne. Gerano è immerso nella valle di Giovenanzo e conserva ruderi di ville romane e la Fontana di Ciocio del II secolo d.C. di importanza storico-archeologica.

Al X secolo risale la Chiesa di Santa Maria Assunta, situata al centro del borgo. Conserva all’interno l’icona della “Madonna del Cuore” dipinta nel 1729 da Sebastiano Conca. È venerata con devozione a ricordo del miracolo secondo cui due Gesuiti portarono a Gerano l’immagine e terminata la loro missione, ogni volta che tentavano di portarla via, cominciava a piovere violentemente, fintanto che lo la lasciarono lì, pensando di assecondare così la volontà divina.

Non andate via senza assaggiare i tipici “strozzapreti”, pasta realizzata con farina di grano mista a farina di granturco, condita con una salsa detta “pistecchia” fatta con pomodoro, aglio, olio, prezzemolo, peperoncino ed alici, serviti in scifette artigianali in legno. Il loro nome deriva dal passato quando la plebe poteva permettersi solo pasti semplici e poco costosi, a differenza della nobiltà e dei preti.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.