Gerano si trova tra estesi boschi di castagno, prospiciente la pianura percorsa dal Giovenzano, affluente dell’Aniene, racchiuso da una parte dai monti Ruffi e dall’altra dal massiccio di Guadagnolo. Il borgo dista appena un’ora di macchina da Roma e si adagia su un terreno tufaceo, morfologicamente simile alla Montagna delle Gru (Gherania) in Grecia, da cui prende il nome, Gerano.

Gerano

La valle del Giovenzano, fin dall’antichità, è stata intensamente sfruttata e contesa da vari popoli. Numerose le testimonianze della colonizzazione del territorio da parte dei romani: ruderi di ville, i resti di Trebula Suffenas, al Passo della Fortuna, le mura poligonali e le murature romane dislocate in luoghi diversi. Il centro storico (IX-X sec.) è un dedalo di strette vie che si inerpicano da “Porta Amato”, “Porta Maggiore” e “Porta Cancello” per convergere verso Santa Maria e la parte più alta del vecchio “castrum”.

La Fontana di Ciocio, antico fontanile romano del II secolo; Palazzo di Corte, fu tribunale locale e dazio comunale (XIV secolo). Nella piazzetta antistante avvenivano le aste pubbliche, col metodo dell’accensione della candela.

Da non perdere a Gerano c’è un luogo quasi magico che ha il profumo della memoria: la Casa delle antiche scatole di latta.

Foto di @Frederick Sporchia

Il termine strozzapreti (nota pasta locale) deriva dal particolare impasto che, mantenendosi duro e colloso, richiedeva sempre del vino per essere deglutito. Vino però, che in alcuni periodi storici, il clero non poteva consumare.

Rinomati gli strozzapreti conditi con la pistecchia (pomodoro, aglio, olio, prezzemolo e alici). Inoltre, le gnocche pelose, tipo di tagliatelle condite con funghi porcini e salsicce, poi i maccarunacci co’gli cici (particolare pasta condita con sugo di ceci). Infine i dolci secchi ciammillitti de magru.

Il Parco naturale dei Monti Lucretili con i suoi incantevoli percorsi naturalistici immersi tra i castagneti e la valle del Giovenzano è il luogo ideale per tutti gli amanti della natura.

La prima domenica dopo San Marco (25 aprile) a Gerano si svolge l’infiorata, la più antica d’Italia (1740).

Foto di @Frederick Sporchia

INFO UTILI
dist. da Roma 50 km
da non perdere Palazzo di Corte
sito web Comune di Gerano

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...