Verulana civitas almae urbi confederata” (la città di Veroli confederata alla generosa Roma), è quello che ci ricorda lo stemma della città di Veroli, sorta nel cuore della Ciociaria come città di origine ernica, divenuta nel corso dei secoli alleata dei romani e nel medioevo sede vescovile.

Il modo migliore per godersi Il centro storico di Veroli è entrare in una delle numerose costruzioni medioevali e salire su una delle bellissime terrazze panoramiche da cui lo sguardo spazia tra la Valle del Sacco e la Valle dell’Amaseno fino ai Monti Lepini.

Il fascino di Veroli sta anche nei suoi edifici sacri come la Chiesa di Sant’Erasmo ed il Duomo di Sant’Andrea Apostolo, costruito sui resti di un tempio pagano che custodisce il “Tesoro del Duomo”, a cui appartengono preziose opere d’arte tra cui una croce astile ove il Cristo è raffigurato con gli occhi aperti ed i piedi forati separatamente ed un calice d’argento di fine trecento.

Veroli

Ciò che rende Veroli conosciuta ovunque è la Basilica di Santa Maria Sàlome, una delle pie donne del Vangelo, madre degli apostoli Giacomo il Maggiore e Giovanni l’Evangelista, che ospita al suo interno la Scala Santa edificata tra il 1715 ed il 1740, una delle tre al mondo insieme a quelle di Gerusalemme e della Basilica di San Giovanni in Laterano di Roma.
I suoi 12 scalini percorsi genuflessi permettono di ottenere l’indulgenza, mentre l’undicesimo scalino custodisce una reliquia della Croce del Calvario.

Per soddisfare la nostra curiosità abbiamo l’imbarazzo della scelta: visitare il Museo della Civiltà rurale e quello delle Erbe, la Biblioteca Giovardiana o addentrarci nella Veroli sotterranea ed ammirare il criptoportico romano, costruito tra il primo ed il secondo secolo a.C., a cui si accede dalla sala delle vetrine del Museo di Civiltà Ernica e Romana.
Nel Museo, ospitato nel Palazzo Municipale, sono conservate iscrizioni romane, una collezione di ceramiche e dipinti assieme ad alcuni capitelli antichi ed un muraglione in opera poligonale risalente al IV secolo a.C., visibile in una delle sale, che riporta alla mente i resti di una cinta muraria eretta a difesa della città, non distante dalla Rocca di San Leucio, che possiamo raggiungere con una bella passeggiata archeologica.

Veroli

Di grande rilevanza culturale è il festival internazionale del teatro di strada che si svolge durante l’ultima settimana di luglio (Fasti Verulani) il cui nome è legato al raro calendario marmoreo di origine romana risalente al I secolo d.C. conservato all’interno del cortile di casa Reali.

Non dimentichiamoci di gustare il pane di Veroli, un pane casareccio di origini antichissime vanto dei panificatori verolani insieme alla tradizione delle ciambelle ritorte all’anice e delle crespelle, gustose frittelle di pane fritto.
Sulla strada del ritorno possiamo spostarci con l’auto in direzione di Sora e raggiungere l’Abbazia di Casamari, capolavoro dell’architettura gotico-cistercense.

Abbazia di Casamari - Veroli

Una piccola curiosità: in alcuni angoli si possono scorgere alcuni simboli massonici scolpiti.

Per gli appassionati di natura, a conclusione della nostra gita, si può raggiungere l’altopiano carsico dei Monti Ernici: Prato di Campoli.

Maggiori informazioni e link utili:
https://www.comune.veroli.fr.it/
https://www.abbaziadicasamari.it/
https://www.prolocoveroli.it/

https://www.ciociariaturismo.it/

Tel/fax 0775.238929 – e.mail: prolocodiveroli@libero.it

Come arrivare a Veroli:
In treno e bus da Roma, Napoli, Frosinone:
https://www.cotralspa.it/
https://www.trenitalia.com/it.html
In macchina:
Autostrada A1 uscita Frosinone o Ferentino e proseguire seguendo le indicazioni stradali per la superstrada Frosinone – Sora uscita Veroli

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

L’Infiorata di Gerano è Candidata UNESCO

Lo spettacolo della più antica Infiorata d’Italia colora Gerano dal 1740 in onore della Madonna del Cuore. È candidato a Patrimonio Immateriale dell’UNESCO.

Casa delle Antiche Scatole di Latta a Gerano

A Gerano c’è un luogo magico che ha il profumo della memoria: la Casa delle Antiche Scatole di latta. È una mostra nata per caso dalla passione della sua ideatrice, Marina Durand De La Penne. Dopo aver ricevuto in dono un bidone della Saiwa, la casa dolciaria fondata...

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

Lazio, terra di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Nel Lazio sono 9 i riconoscimenti inclusi nelle liste materiali e immateriali dell’UNESCO. Eredità di eccezionale valore universale per il mondo intero.

A spasso tra siti candidati a Patrimonio UNESCO

Alla scoperta dei 5 siti del Lazio iscritti nella Tentative List, la lista d’attesa per entrare a far parte della prestigiosa rosa dei Patrimoni dell’Umanità.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

#CarbonaraDay, una giornata mondiale da postare

Il 6 aprile è il Carbonara Day, si celebra un piatto tipico del Lazio e un’icona della cucina italiana nel mondo. Postate la vostra Carbonara con #carbonaraday.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.