«Le donne, i cavalier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto…» quanta poesia in questi versi di Ludovico Ariosto che ci riconducono ad un mondo lontano ma non per questo irraggiungibile: il Lazio è colmo di ambientazioni antiche che ci fanno rivivere, come trasportati indietro nel tempo, le rime dell’Orlando Furioso. Basta scegliere tra una infinità di torri e castelli iniziando proprio dalla terra di Tuscia focolaio ardente di storia e cultura; un tour di arte e gastronomia davvero interessante seppur non lontano dalla capitale. Qui ogni borgo ha una storia da raccontare e non ce ne voglia l’antico reggiano se lungo il cammino perderemo, seppur in buona fede, qualche ghiotta occasione di racconto.

Andiamo per ordine!

Torre Alfina

Torre Alfina – Acquapendente (VT)

Tra le molteplici location incontrate, a partire dal confine toscano, quella che per prima sorge ai nostri occhi è il Castello di Torre Alfina, piccuapola frazione di Acqendente, dove le ampie merlature, custodiscono un luogo ricco di fascino, gusto, suggestioni e misteri…infatti si attribuiscono alla trecentesca e nobile famiglia dei Monaldeschi, signori del maniero, oscure vicende e fosche gesta svoltesi nei sotterranei della dimora.

Allo stesso ramo della famiglia apparteneva il vicino, Castello Monaldeschi della Cervara di Bolsena, a picco sulle rive dell’omonimo lago, che delimita ancora ora oggi il “rione castello”, luogo pregno di fascino e scorci mozzafiato; più a est è la volta del Castello Baglioni Santacroce di Graffignano, tra i cui meandri si dice aleggiare lo spettro di una dama e l’eco di fanciullesche voci misteriose; più a sud ecco stagliarsi il “Borgo fantasma” di Celleno entro le cui antiche mura, si erge il Castello Medievale degli Orsini, famiglia assai nota per lustro e potere.

Castello Medievale degli Orsini a Celleno

Castello Medievale degli Orsini a Celleno

Bastano pochi chilometri per giungere Soriano nel Cimino e scoprire il Castello Orsini, una struttura difensiva costruita a partire dal XIII secolo, poi ampliata e modificata nel corso dei secoli, soprattutto nel Rinascimento, per arrivare ai giorni nostri in buone condizioni di conservazione.

Castello Monaldeschi della Cervara di Bolsena

Castello Monaldeschi della Cervara di Bolsena

Un po’ di strada per spingersi fino a Vignanello, dove troneggia, nella parte più orientale dell’antico borgo, il Castello Ruspoli adorno di uno dei più importanti giardini all’italiana esistente. Il giardino fu costruito nel 1610 per volere di Ottavia Orsini figlia di Giulia Farnese; tra l’altro è interessante ricordare che il viterbese vanta la più alta concentrazione mondiale di giardini storici che qui raggiungono la massima espressione, divenendo esempio di eleganza e di armonia tra i più celebrati del mondo.

Infine ancora qualche minuto di macchina ed ecco incantati dalla finale meta duecentesca del Castello Orsini di Vasanello, voluto da Orso Orsini nel 1285. Il maniero passò ben presto ad altri casati, finché nel 1400 non tornò nelle mani degli Orsini per poi, di nuovo, passare alle famiglie, dei Delle Rovere, dei Colonna e dei Barberini. Ospiti illustri hanno qui dimorato: Adriana Mila, sposa di Ludovico Orsini, cugina spagnola del papa Alessandro VI Borgia, Giulia Farnese detta “La Bella” e una giovanissima Lucrezia Borgia, tanto per citare i più famosi. Nel 1300 veniva utilizzato come vero e proprio orto utile al sostentamento degli abitanti del feudo.

Castello Orsini di Vasanello

Castello Orsini di Vasanello

In questo excursus, non può mancare, così come in ogni tavola principesca che si rispetti, una coppa di buon vino DOC del territorio, coniugato a prodotti tipici quali olio, funghi, castagne; inoltre per chi volesse approfittare di un soggiorno più lungo dell’intera giornata, potrebbe usufruire della promozione “Più notti, più sogni” con cui, prenotando tra le strutture presenti in questo link, la Regione Lazio offre una notte in più su tre riservate e due se la prenotazione è di cinque giorni.

Tutti in carrozza!!!

INFORMAZIONI
www.castellotorrealfina.com
www.visitbolsena.it
www.comune.graffignano.vt.it
www.comune.celleno.vt.it
www.prolocosoriano.it
www.castelloruspoli.com
www.castellodivasanello.it

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...