Dalla raccolta delle ciliegie, alle passeggiate lungo lago. Dai tramonti romantici ai risvegli energici. Siamo nel Lazio, dove il relax regna in molti luoghi.

Il sole riscalda la terra delle campagne redendo rigogliosi i propri frutti ed è proprio in questo periodo dell’anno che potrete approfittare, facendo una passeggiata nella campagna Sabina, tra Poggio Nativo e Frasso, dell’esperienza della raccolta del frutto più rosso e succulento della primavera: la ciliegia!

Prendete una scala. Tenetela ben ferma nel terreno. Salite lentamente in pioli. Le vedete lì davanti ai vostri occhi, ma attenzione, non tutte le ciliegie vanno raccolte. Devono essere sode e rosse. Vanno tirate via con estrema delicatezza per non spezzare il ramo al quale sono legate. Tra pochi giorni, quando il caldo aumenterà, e le ciliegie matureranno più in fretta, saranno il pasto più desiderato degli uccellini. I contadini, sono infatti, soliti dire che le ciliegie più buone sono quelle già “beccate”.

Saliamo verso Rieti, raggiungiamo Rivodutri. Siamo quasi ai confini con la regione e nonostante il caldo che caratterizza questo periodo dell’anno, da queste parti, verso il tramonto, un giacchino non è mai troppo.

Superate il centro storico del paese, salite più in alto. Arrivare a Cepparo, una piccola frazione nel cuore della Valle Santa. Qui c’è una chiesetta, prima del 2000 era un ricovero attrezzi per i pastori del luogo. Davanti ad essa, una staccionata vi consentirà di appoggiarvi e ammirare un tramonto spettacolare incorniciato dalla verde valle. Fate silenzio, perchè se sarete fortunati, avrete la possibilità di vedere il pascolo di mucche e pecore, ve ne accorgerete ancor prima che siano davanti ai vostri occhi, perchè udirete il tintinnare dei loro campanelli.

Poco più a valle, c’è il celebre Faggio di San Francesco.

Catapultiamoci tra i Castelli Romani. Mettetevi comodi. Scarpe da ginnastica e tuta. Passeggiamo lungo il Lago di Nemi. Energia, tranquillità, relax. Sono queste le sensazioni che proverete. Lo spettacolo meraviglioso che il lago offre vi “rimetterà al mondo”. Nemi, a pochi passi da Roma, è la metà giusta per fuggire dalla città e rilassarvi con il vostro amato. L’alba da queste parti ha un qualcosa di magico. È un’iniezione di sprint. Svegliati presto, quando il sole sta sorgendo, l’energia della natura vi entusiasmerà!

Tantissimi sono i luoghi della nostra regione in cui potersi dedicare un momento di relax. Ve ne abbiamo suggeriti alcuni.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

L’Infiorata di Gerano è Candidata UNESCO

Lo spettacolo della più antica Infiorata d’Italia colora Gerano dal 1740 in onore della Madonna del Cuore. È candidato a Patrimonio Immateriale dell’UNESCO.

Casa delle Antiche Scatole di Latta a Gerano

A Gerano c’è un luogo magico che ha il profumo della memoria: la Casa delle Antiche Scatole di latta. È una mostra nata per caso dalla passione della sua ideatrice, Marina Durand De La Penne. Dopo aver ricevuto in dono un bidone della Saiwa, la casa dolciaria fondata...

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

Lazio, terra di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Nel Lazio sono 9 i riconoscimenti inclusi nelle liste materiali e immateriali dell’UNESCO. Eredità di eccezionale valore universale per il mondo intero.

A spasso tra siti candidati a Patrimonio UNESCO

Alla scoperta dei 5 siti del Lazio iscritti nella Tentative List, la lista d’attesa per entrare a far parte della prestigiosa rosa dei Patrimoni dell’Umanità.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

#CarbonaraDay, una giornata mondiale da postare

Il 6 aprile è il Carbonara Day, si celebra un piatto tipico del Lazio e un’icona della cucina italiana nel mondo. Postate la vostra Carbonara con #carbonaraday.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.