Il Museo del Rugby narra la storia del rugby ad Artena, in provincia di Roma, in una stupenda esposizione con oltre 15.000 cimeli.

600 metri quadri dedicati allo sport con la palla ovale con fotografie, manifesti, trofei, gagliardetti, palloni, libri, cravatte, pins e più di 1500 maglie da gioco suddivise per aree geografiche che coprono un arco temporale di circa 80 anni, dalla prima partita della Nazionale Italiana disputata a Barcellona nel 1929 ai giorni nostri.

Foto da www.facebook.com/ilmuseodelrugby

Il museo è gestito dalla Fondazione “Il Museo del Rugby, Fango e Sudore” ed è oggi uno dei più importanti al mondo. Nacque come collezione privata grazie alla passione dell’ex giocatore di rugby Corrado Mattoccia il quale nel novembre 2012 diede vita alla Fondazione.

Tra i suoi soci fondatori, personaggi che hanno portato in alto il nome dell’Italia nel mondo nella pratica di questo sport: Giovanni (Nanni) Raineri (22 caps Azzurri), che ha posto la “prima pietra” della collezione donando il suo personale patrimonio ovale, e Mauro Bergamasco (17 anni in Azzurro, 13 edizioni del “6 Nazioni”, 5 Mondiali disputati) che ha consegnato al museo le maglie della propria carriera agonistica (Benetton Treviso, Italia, Stade Francais, Aironi e Zebre) e lo Scudo di Brenno, trofeo che viene assegnato ai Campioni di Francia, vinto da Mauro Bergamasco nel 2007.

Il Museo del Rugby ha ricevuto il patrocinio della Federazione Italiana Rugby ed espone alcuni capolavori della propria collezione in occasione delle gare del Torneo Internazionale delle 6 Nazioni che si disputano allo Stadio Olimpico di Roma.

Foto da www.facebook.com/ilmuseodelrugby

Nel 2010, il museo ha ricevuto la Medaglia di Bronzo dal Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.