Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove prevalgono paesaggi incantevoli e scorci mozzafiato: un microcosmo di emozioni da esplorare seguendo il proprio istinto e le proprie passioni, assaporando suoni, profumi e sapori.

Monte Bisenzio - Lago di Bolsena

Monte Bisenzio – Lago di Bolsena

Immergiamoci  alla scoperta di luoghi incantati e ombreggiati come il Lago di Bolsena, il più grande lago vulcanico d’Europa, formato da una caldera, che riempiendosi progressivamente di acque meteoriche, di falda e sorgive, ha dato vita alla conca lacuale di cui noi oggi godiamo il meraviglioso spettacolo. Costeggiato da suggestivi borghi ed arricchito dalle sue inconfondibili e lussureggianti isole della Bisentina e della Martana, il bacino attualmente conta un flusso turistico decisamente importante.

Lago della Duchessa

Lago della Duchessa

Lasciando la Tuscia, verso il territorio reatino, ecco apparire il Lago della Duchessa, un invaso naturale di origine carsica, che a quota 1.788 metri raggiunge il primato di più alto del Lazio, è tutelato dalla Riserva Naturale Montagne della Duchessa. Prende nome dalla duchessa Margherita d’Austria, signora del Ducato di Leonessa e Cittaducale, che sul finire del XVI secolo ha viaggiato su queste montagne insieme all’ingegnere bolognese Francesco De Marchi. E’ un luogo solitario che la natura ha mantenuto brullo, selvaggio, quasi inospitale, per tanto tempo regno di mandriani e briganti che vi hanno trovato facile rifugio. Per raggiungerlo si parte dalla Valle del Salto, si attraversa l’ameno centro di Cartore, antico borgo rurale, da dove si possono seguire due sentieri CAI, uno attraverso il bosco e l’altro, più difficoltoso, passa per una profonda forra con pareti rocciose a strapiombo; dai 1.500 metri iniziano i pascoli tipici del piano altomontano.

Il lago appare all’improvviso all’interno di una conca a forma di otto. Non ha immissari poiché viene alimentato dalle nevi e dalle piogge. I suoi colori cambiano a seconda della stagione: verde chiaro in primavera, giallo in estate, rosso in autunno e bianco in inverno.

Lago di Nemi

Lago di Nemi

Tra i diversi bacini lacuali presenti nei dintorni della capitale, il complesso vulcanico dei Colli Albani comprende il Lago di Nemi e il Lago Albano o di Castel Gandolfo, sulle cui acque limpide si specchia l’omonimo borgo che dal 1600 è la dimora estiva dei pontefici. Le sue coste, popolate sin dall’età del bronzo, sono ricche di interessanti resti archeologici, preistorici e romani: l’antica Albalonga, acerrima nemica di Roma, mitica città fondata da Ascanio, figlio di Enea e narrata nell’Eneide di Virgilio, è l’attuale Albano Laziale dove troviamo interessanti monumenti tra cui la celebre Tomba degli Orazi e Curiazi e la seicentesca chiesa di Santa Maria della Stella. Le spiagge del Lago Albano offrono la possibilità di praticare molti sport acquatici, di noleggiare pedalò, fare jogging, percorrere le rive in mountain-bike. Il Lago di Nemi, lago di Diana, è un piccolo specchio d’acqua incassato nel cratere d’un antico vulcano che per millenni ha custodito il mistero di due navi romane dell’imperatore Caligola, ora esposte nel Museo delle Navi Romane. Le leggende del Bosco Sacro di Nemi ed il fascino del luogo ricco di storia e di siti archeologici sono stati di ispirazione per artisti e letterati.

Lago di Posta Fibreno

Lago di Posta Fibreno

Raggiungendo la Ciociaria nella Riserva Naturale Regionale Lago di Posta Fibreno, Valle di Comino, ai piedi delle montagne del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, scopriamo un lago carsico in cui si trova un’isola galleggiante che già duemila anni fa affascinava Plinio il Vecchio che la descrisse nella sua Naturalis Historia: è il Lago di Posta Fibreno ricco di vegetazione acquatica spontanea oltre che di una grande varietà di pesci e di animali acquatici, come la trota Fibreno la cui pesca avviene con un’imbarcazione tradizionale conosciuta come “nàue”. Attrae appassionati di immersioni ed esplorazione dei fondali per la sua limpidezza e la temperatura mite, oltre che essere apprezzato per attività come kayak, birdwatching e trekking tra i sentieri attrezzati anche con capanni d’osservazione.

Lago di Sabaudia

Lago di Sabaudia

Ma è nel Pontino, luogo di mare per eccellenza, che troviamo, uno fra tutti, il Lago di Sabaudia, formato da un corpo principale e da cinque anse. Si estende per tutta la sua lunghezza lungo le coste del Mar Tirreno da cui è separato solo per una duna sabbiosa, dove cresce rigogliosa la tipica vegetazione mediterranea, e dalla spiaggia di sabbia dorata, in cui amava passeggiare Alberto Moravia. La sua storia si intreccia con quella dell’uomo in diverse epoche come dimostra la presenza di molti reperti, resti di ville, piscine, edifici pubblici e di culto come la Villa di Domiziano, le Piscine di Lucullo, le Terme Romane di Torre Paola, la darsena e il porto-canale romano e il Santuario della Sorresca.

Buona scelta e … buon relax!

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

Tuscia
Facebook: Lago di Bolsena
Facebook: Lago di Vico

Reatino
www.riservaduchessa.it

Roma
www.parcocastelliromani.it

Pontino
Parco Regionale Naturale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

10 Bandiere Verdi nel Lazio top per famiglie

Scopriamo dove sventolano nel 2024 le 10 Bandiere Verdi nel Lazio, le 10 spiagge eccellenti per le famiglie per il mare pulito e i servizi a misura di bambino.

Un salto alle Cascate di Monte Gelato

Nella Valle del Treja c’è una meta ideale per ricaricarvi di energia positiva tra i boschi rigogliosi vicino a Mazzano Romano: le Cascate di Monte Gelato.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

I segreti sotterranei nei Connutti a Vignanello

Andiamo alla scoperta dei segreti sotterranei nei Connutti di Vignanello, gli straordinari spazi ipogei recuperati e resi fruibili con le visite guidate.

Le fonti di ristoro da Fiuggi a Collepardo

Dalle terme di Bonifacio al lago di Canterno, andiamo alla scoperta dell’acqua inseguendo la B Gialla in Ciociaria per il ristoro del corpo e dell’anima.

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 10 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.