A Gerano c’è un luogo quasi magico che ha il profumo della memoria: la Casa delle antiche scatole di latta.

È una mostra nata per caso dalla passione della sua ideatrice, Marina Durand De La Penne, che dopo aver ricevuto in dono un bidone della Saiwa, la casa dolciaria fondata a Genova nel 1900, si è dedicata a ricerche tra mercatini e negozi d’antiquariato riuscendo a collezionare più di 1000 scatole di latta, tutte italiane e prodotte tra il 1890 e il 1950. Una passione via via sempre più grande, con l’intento di conservare, promuovere e valorizzare il patrimonio culturale custodito in questi semplici oggetti d’epoca di uso quotidiano.

Inaugurato l’11 novembre 2000, il Museo Italiano dedicato alle Scatole di Latta, è come un viaggio a ritroso nel tempo: ci si ritrova in quello che appare un vecchio negozio di inizio 1900 dove sono raggruppati gli oggetti seguendo un ordine cronologico e approfondendo alcuni temi quali: I Reali di Savoia, l’Anno Santo, gli Illustratori, la monarchia, il fascismo, la campagna d’Africa e le storiche ditte come Talmone, Unica, Venchi-Unica ed alcune forme come cestini o torte postali.

Merita sicuramente di essere citata una confezione datata 11 marzo 1929 e firmata da Gabriele d’Annunzio che definisce i biscotti migliori di quelli prodotti dai concorrenti inglesi.

La storia d’Italia trascorsa attraverso le mode, cambiamenti storici ed artistici e l’evoluzione della grafica e della pubblicità è raccontata da queste scatole che contenevano cioccolato, caramelle, cacao e biscotti.

Ognuno può lasciare un bigliettino, magari con un personale desiderio, in quelli che son diventati veri e propri scrigni magici.

Se vi siete incuriositi potete prenotare la vostra visita gratuita.
Venerdì: 10.00-13.00 – Sabato e domenica: 10.00-13.00 / 15.00-19.00
Via del Palazzo, 8 – 00025 Gerano (Roma) -Tel: +39 3487960033
Mail: scatolemarina@hotmail.com– Web: www.casadellescatole.org

*************

Dopo aver ripercorso con nostalgia un’Italia di altri tempi, possiamo approfittarne per conoscere Gerano, piccolo borgo a 502 m di altezza posto su un colle tufaceo dei Monti Ruffi, circondato da boschi di castagni, uliveti e vigne. Immerso nella valle di Giovenanzo, di fronte ai Monti Prenestini e al Santuario della Mentorella luoghi cari al Papa Giovanni Paolo II. A Gerano sono conservati ruderi di ville romane o la Fontana di Ciocio del II secolo d.C. di importanza storico-archeologica.

Il centro storico, custodito dalle tre porte (Porta Maggiore, Porta Cancello, Porta Amato) ci ricorda che il paese nel medioevo possedeva un castello fortificato sul monte Geranum e per la sua importanza strategica e la fiorente economia, era conteso tra la diocesi di Tivoli e l’abate di Subiaco.

Al X secolo risale la Chiesa di Santa Maria Assunta, situata al centro del borgo, con la sua torre campanaria alta 25m e 4 campane, in stile gotico medievale, ampliata durante la prima metà dell’Ottocento sotto la supervisione meticolosa dell’architetto Valadier.

Conserva all’interno l’icona della “Madonna del Cuore” dipinta nel 1729 da Sebastiano Conca, venerata con devozione a ricordo del miracolo secondo cui due Gesuiti portarono a Gerano l’immagine e terminata la loro missione, ogni volta che tentavano di portarla via, cominciava a piovere violentemente, fintanto che lo la lasciarono lì, pensando di assecondare così la volontà divina.

Continuando la passeggiata incontriamo: la Torre dell’abate Giovanni V, edificata a protezione dell’omonimo Palazzo “il Palazzo di Corte”, la Chiesa della SS.ma Annunziata (XV Secolo) e nelle vicinanze di Fontana di Leo la Chiesa di Sant’Anna (1773) la più piccola del borgo (m 7,00 x 5,00).

In prossimità di Porta Amato, nella Chiesa di San Lorenzo Martire, risalente anch’essa all’anno mille e ristrutturata a fine ‘700 trionfa il  “Martirio di San Lorenzo” del pittore Domenico Fiorentino.

Poco distante dal paese la Chiesa di Sant’Anatolia (VI Secolo) rappresenta il luogo dove ogni anno in luglio laicità e religiosità si fondono, quando durante la festa in onore di Sant’Anatolia (patrona del paese) si svolge la secolare fiera di merci e bestiame, basata sullo scambio di prodotti agricoli e artigianali, e numerosi pellegrini e nomadi si riuniscono nel prato antistante per festeggiare con balli e canti notturni.

Per apprezzare appieno la cultura e le tradizioni di un territorio non ci resta che assaporare la cucina geranese che ha come piatto principe sicuramente gli “strozzapreti”, pasta realizzata con farina di grano mista a farina di granturco, condita con una salsa detta “pistecchia” fatta con pomodoro, aglio, olio, prezzemolo, peperoncino ed alici, serviti in scifette artigianali in legno. Il loro nome deriva dal passato quando la plebe poteva permettersi solo pasti semplici e poco costosi, a differenza della nobiltà e dei preti.

Altro piatto goloso sono le “gnocche pelose”, tagliatelle condite con funghi porcini e salsicce ed i “maccarunacci co’ gli cici” pasta condita con sugo con ceci e pancetta, “le zazzicchie e verole” (salsicce e castagne caldarroste) da accompagnare con pane rigorosamente cotto a legna e del buon vino rosso, concludendo con i dolci secchi “ciammillitti de magru”, biscotti secchi con nocciole, zucchero, vino bianco, olio d’oliva, farina e sale.

Un suggerimento su come arrivare a Gerano:
Prendere l’Autostrada A24 Roma – L’Aquila, uscire a Castel Madama e seguire le indicazioni per Gerano; in treno o autobus arrivati alla stazione di Tivoli, proseguire con le autolinee Cotral fino a destinazione.

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...