A pochi chilometri dalla capitale, nell’area dei Castelli Romani, si trova una graziosa e rigogliosa cittadina: si tratta di Albano Laziale, località caratterizzata da eventi e manifestazioni fortemente legati alla tradizione del territorio durante tutto l’anno.

Ma non solo, negli ultimi anni infatti il piccolo comune laziale è stato protagonista di un’operazione di riqualificazione che ha coinvolto street artist e nomi noti dell’arte urbana nazionale. In questa zona opera il Musac, il Museo di Street Art dei Castelli, che conserva la strada come sede dell’arte, evitando la musealizzazione delle opere e mantenendo l’obiettivo di farle conoscere lì dove sono, preservandone l’accessibilità.

Uno degli scopi del Musac è “usare la forza espressiva dell’arte legale per denunciare i problemi e scuotere le coscienze, perché criticare il sistema dall’interno consente di cambiarlo con maggior efficacia”.

Riqualificazione urbana significa quindi recuperare una cabina elettrica deturpata che negli anni è stata oggetto di svariati atti vandalici o ancora rendere le pareti della stazione ferroviaria una mostra permanente a cielo aperto.
Veri e propri interventi artistici attirano sempre più visitatori curiosi ed esperti di settore, restituendo al contempo dignità a luoghi abbandonati e mirando a sensibilizzare il senso civico e il rispetto dei luoghi comuni e condivisi. Ma vediamo più da vicino di cosa si tratta.

Uno dei primi progetti che ha coinvolto Pavona, piccola frazione tra il Comune di Albano e quello di Castel Gandolfo, è stato “Arte in Stazione e Città a colori” promosso da Rete Ferroviaria Italiana. L’obiettivo? Il recupero dell’ambiente urbano e sociale intorno alla stazione attraverso murales colorati. Non-luogo per eccellenza, e forse proprio per questo oggetto di vandalizzazioni, la stazione rappresenta il crocevia di studenti e lavoratori che ogni giorno la attraversano per raggiungere la capitale.

Istituto Gramsci a Pavona – Foto di Alessandra Carloni

Tra gli artisti coinvolti negli interventi sugli edifici ferroviari Krayon, che ha raffigurato degli animali sull’ex spogliatoio del tronco lavori, Alessandra Carloni, con la sua nave che fluttua tra le nuvole, Diego Poggioni, che ha colorato il sottopasso con supereroi come Spiderman a Batman e Thomas, con la sua reinterpretazione dello yin e dello yang. Ogni parete è diventata una potenziale tela, il tutto a dare nuova luce ad un’area che da anni versava in stato di degrado.

Altra iniziativa ha preso vita a marzo 2018, con due murales contro la criminalità: in occasione della XXIII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti di tutte le mafie, sempre l’artista Krayon in collaborazione con gli studenti del Liceo artistico C. Battisti di Velletri, ha ritratto il volto di 9 vittime di mafia sulle pareti dell’Oratorio della Parrocchia Sant’Eugenio: don Puglisi, don Peppe Diana, Renata Fonte, Giancarlo Siani, Rosario Livatino, Annalisa Durante, Lea Garofalo, Palma Scamardella e Rita Atria. Puntando con il proprio smartphone su un QR code presente, è possibile inoltre scoprire i racconti della realizzazione delle opere e le storie dei personaggi raffigurati.

Il secondo intervento è stato realizzato dall’artista Morden Gore sulla facciata delle case popolari di via Roma. L’intervento, frutto di una collaborazione con l’ATER della Provincia di Roma, rappresenta la bellezza che abbatte il degrado e simbolicamente l’etica che si afferma sull’illegalità. Arte urbana quindi come strumento di lotta al degrado e all’illegalità, ma anche simbolo di riscatto della periferia.

Con l’inizio del 2020 un nuovo intervento di riqualificazione ha visto nuovamente protagonista l’artista marchigiano Morden Gore. Su proposta del Musac e con l’obiettivo di rivalorizzare l’area tra Via Roma e Piazza San Remo e sensibilizzare l’amministrazione capitolina, è stato lanciato un progetto artistico per riqualificare una cabina elettrica abbandonata, anch’essa più volte oggetto delle attenzioni indesiderate dei vandali.

In collaborazione con il locale gruppo scout, l’associazione onlus Chiara per i bambini del mondo, e alcune realtà private, Gore ha dipinto sulle pareti della vecchia cabina la mano di un bambino che con il linguaggio dei segni ‘dice’ Roma. Un messaggio per l’amministrazione pubblica della capitale, affinchè mostri interesse rispetto al territorio, dove mancano spazi pubblici di incontro per bambini e adolescenti. Un intervento inclusivo che, secondo Morden Gore, vuole pensare a una città a misura di bambino soprattutto nelle periferie, affinchè vengano meglio interpretate le esigenze del mondo dell’infanzia.

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...