C’era una volta… e ci sono ancora castelli, luoghi fiabeschi e intrisi di magia e mistero, che da sempre affascinano grandi e piccini.

Così ci troviamo a seguire la via dei Castelli in Sabina partendo da Labro, un passato ricco di storia, un presente ricco di emozioni. Sembra di passeggiare nel medioevo, camminando lungo le sue stradine lastricate, esclusivamente pedonali, che svelano edifici nobiliari dai particolari preziosi, come le finestre guelfe, case in pietra addossate le une alle altre fino ad arrivare al Castello Nobili Vitelleschi. La costruzione del ‘500 mantiene ancora arredi originali; la proprietaria, ultima erede della famiglia Vitelleschi, accompagna nella visita con cortesia e passione spiegando ogni singolo dettaglio delle stanze e raccontando aneddoti dei suoi avi. Tra le pregevoli opere, gli arredi, i costumi e le foto d’epoca da evidenziare un ricco archivio che parte dall’XI° secolo fin quasi ai giorni nostri, consigliato per chi ama il genere.

Castello di Labro

Labro

Mozzafiato il panorama che si può godere salendo sulla torre: scorci sul lago di Piediluco, tra i colori dell’autunno che pennellano i boschi circostanti.

Attraversando la Valle Santa Reatina arriviamo al Lago del Turano dove la nebbia che sale dalle acque, crea un’atmosfera surreale sospesa in un tempo indefinito: medioevo, rinascimento, arte contemporanea, che avvolge il castello delle metamorfosi di Rocca Sinibalda. Una ripida salita conduce all’interno del Castello; il salone più importante, che dà anche il nome al castello, con la preziosa decorazione delle pareti interne, ispirata dalle Metamorfosi di Ovidio e a narrazioni legate alla storia della famiglia Cesarini, da diversi pittori tra cui i Manieristi. Passando nelle sale successive di altro genere le maschere tribali e antropomorfe di diverse popolazioni africane e native indo americane, fino ad arrivare nella sale che custodisce l’opera più esclusiva ed originale un totem gigante del nord America alto oltre 7 metri. Nei sotterranei è invece allestita la particolare mostra di arte moderna. Suggestivi gli esterni con i giardini sospesi e l’impressionante la passeggiata sul camminamento di ronda ad altezza notevole.

Rocca Sinibalda

Rocca Sinibalda

Proseguendo lungo la strada che costeggia il delizioso lago del Turano dopo aver attraversato Colle di Tora ed aver ammirato Castel di Tora dal ponte sul lago, si arriva a Collalto Sabino, antico borgo medievale, attorniato dalle mura e arroccato intorno al Castello. Entrando dall’antica porta del paese si arriva alla piazzetta dove si erge l’antico Ponte Levatoio attraversarlo è come calarsi in un’atmosfera di altri tempi; il portone sormontato dallo stemma Barberini, conduce in uno spalto che domina la piazzetta, con il balconcino in laterizio dal quale la marchesa Prendowski assisteva alle feste e alle processioni. All’interno, nell’antica sala d’armi è ospitata la moderna sala convegni. Entrare nel salone di rappresentanza con il pavimento in prezioso legno massello, il soffitto a cassettoni e le decorazioni alle pareti dà la sensazione di esser invitati ad un gran ballo a corte… Ed ancora la biblioteca in stile settecento veneziano e poi in una saletta ove sono raccolte armi ed armature.

Collalto Sabino

Collalto Sabino

Per una scaletta in legno si sale alle coperture del castello, da dove si può ammirare lo spettacolo dell’alternarsi dei piani e dei colori dei tetti del castello e del borgo medioevale. Molte tegole del castello sono originali del tempo dei Barberini: infatti portano impresso il loro stemma. Un delizioso giardino ombreggiato da un enorme cedro del Libano, simile a quelli che il Papa Urbano VIII Barberini fece piantare nei giardini Vaticani, conduce al maschio, il punto più alto del castello, da cui si può ammirare un vasto panorama a 360 gradi. Si possono scorgere gli alti massicci montuosi del Centro Italia: Terminillo, Duchessa, Gran Sasso e Velino. La vista è stupenda: nel girare lo sguardo si prova una particolare emozione, si dimentica lo stress della vita quotidiana, ci si sente parte dell’infinito.
A sognare si può continuare con le tante fiabe che ci attendono in Sabina…

Per ulteriori informazioni:

https://www.castellodilabro.com/
http://www.castelloroccasinibalda.it/
http://www.retedimorestorichelazio.it/dimora/ri/rocca-sinibalda/castello-di-rocca-sinibalda/
http://www.retedimorestorichelazio.it/dimora/ri/
https://prolocollalto.jimdo.com/il-castello/visite/
https://www.castellocollaltosabino.com/it/index

Più notti più sogni: https://www.visitlazio.com/piu-notti-piu-sogni/

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...