Castelli, grotte e palazzi antichi: luoghi mozzafiato da scoprire

Chiudete gli occhi e immaginate il mare. Un’enorme distesa di acqua in tutte le gradazioni del blu, lo scintillio del sole che si riflette sulle onde, la spuma bianca mentre si infrangono sugli scogli vicino alla riva. Immaginate il cielo, limpido, terso, non c’è una nuvola all’orizzonte, è una di quelle giornate in cui tutto sembra incredibilmente perfetto. Visto che stiamo sognando, facciamo le cose per bene: il fondo del mare non è scuro, ma di sassolini e massi che formano piccole rive tutte intorno. Queste continuano con una distesa di sabbia su cui sdraiarsi a prendere il sole dopo un tuffo.

Il nostro sogno però non è finito: immaginiamo ora un castello, un’antica rocca che si affaccia sul mare, circondata da una cinta muraria e intorno tanta vegetazione. Un meraviglioso castello medievale che in antichità rappresentava un antico insediamento. Ora siete pronti per spiccare il volo e ammirare tutta questa bellezza dall’alto? Bene: questo posto non è frutto della nostra immaginazione, ma esiste davvero. È la zona di Santa Marinella e del Castello di Santa Severa, che sorge proprio nell’antico insediamento etrusco di Pyrgi. E vi diremo di più: non è così impossibile realizzare la nostra fantasia. Grazie a tecnologie innovative e strumenti che sono sempre più il nuovo modo di fare cultura e non un ripiego emergenziale, è possibile effettuare un percorso visita di impatto straordinario di questo antico castello attraverso contenuti digitali che aumentano l’esperienza visiva.

Indossate un visore per la realtà virtuale, scaricate l’App e immergetevi in nuove architetture audiovisive. Ammiriamo dall’alto la Piazza della Rocca e saliamo sulla Torre Saracena mentre in lontananza possiamo scorgere boschi di querce, ancora più in là torrenti in un paesaggio caratterizzato da rilievi collinari e vasti pascoli bradi: i Monti della Tolfa. Ma continuiamo con la nostra scoperta del Castello baciato dal mare le cui mura, dal primo giorno di primavera 2020, sono state illuminate con i colori della bandiera italiana come segno di speranza e coesione alla lotta contro il coronavirus.

Continuiamo la nostra visita alla chiesa paleocristiana del V secolo, con i sarcofagi e le sepolture medievali, scoprendo come doveva essere la vita nel maniero in epoca rinascimentale. Il Castello di Santa Severa è tra quegli spazi della Regione Lazio gestito da LazioCrea con il Comune di Santa Marinella e Coopculture che ha messo online il suo tour virtuale disponibile sul sito www.castellodisantasevera.it . È incredibile la sensazione di energia che un volo (seppur virtuale) nell’aria limpida e il contatto con la cultura e la storia di questo luogo magico sa regalarci.

Ora che abbiamo fatto il pieno di questo panorama mozzafiato, spostiamoci in Ciociaria alla scoperta di un altro grande tesoro nascosto: seguiteci perché questa volta, anziché volare in alto, ci immergeremo in un viaggio al centro della Terra.

Che ne dite di diventare speleologi per un giorno? Basta anche un pomeriggio e non serve essere degli esperti, perché anche le Grotte di Pastena e Collepardo, in provincia di Frosinone, sono perfettamente visitabili da casa. Le Grotte rientrano tra quei luoghi di proprietà regionale gestiti con l’intento di creare un sistema di siti d’eccellenza per la fruizione e valorizzazione sostenibile del patrimonio laziale. Stalattiti e stalagmiti formate in millenni creano uno scenario particolare, tutto da scoprire. Le formazioni rocciose, oltre a suggestive sale e colonne, creano uno spettacolo della natura che vi lascerà a bocca aperta.

Nella lista delle gite fuori porta da fare non appena questo periodo di restrizioni sarà terminato, segnatevi Collepardo che, oltre alle naturalistiche e meravigliose grotte, annovera un patrimonio storico, architettonico e religioso unico al mondo ed è tappa del Cammino di San Benedetto.

http://www.grottepastenacollepardo.it/

Spostiamoci nella Tuscia alla volta di Palazzo Doria Pamphilj di San Martino al Cimino. Qui, nell’affascinante atmosfera del borgo di S. Martino al Cimino si trova una delle più suggestive testimonianze di urbanistica barocca. La costruzione di Palazzo Doria Pamphili, sugli antichi ambienti dell’Abbazia, si deve a Olimpia Maidalchini Pamphilj che, intorno alla metà del XVII secolo, affidò all’architetto Marcantonio De Rossi la trasformazione radicale del tessuto urbano di San Martino al Cimino.

Il centro urbano fu strutturato con case addossate le une alle altre e schierate in funzione della grande Abbazia e del Palazzo, usato originariamente dai monaci come ospedale e trasformato successivamente in un sontuoso palazzo signorile utilizzando i materiali provenienti dall’altro palazzo di famiglia, quello di piazza Navona a Roma.

Ripartito su cinque livelli, dai magazzini abbaziali al belvedere, il Palazzo consta di un seminterrato, meglio conosciuto come “Cantinone”, diviso da grossi pilastri che reggono le volte a crociera di impianto borgognone. Il piano nobile si apre con una serie di sale, tra cui la Sala Olimpia, dove è possibile ammirare il soffitto ligneo a cassettoni. Quando il Palazzo riaprirà al pubblico, vi consigliamo di visitarlo non solo per le bellezze architettoniche e culturali ma anche per scoprire un panorama spettacolare: dalle ampie finestre del livello superiore, si scorgono i tetti a schiera fino a raggiungere con lo sguardo la piana viterbese con il limitare del mare.

Tanti luoghi nascosti ancora autentici tutti da scoprire, un Lazio ricco di meraviglie che promette di non deludere!

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...