Il Museo è ospitato nella Grancia di S. Pietro, un antico complesso conventuale fondato dai monaci dell’Abbazia di S. Salvatore sul Monte Amiata.
Il Museo ospita la collezione Luigi Poscia che in oltre venti anni di ricerche ha raccolto più di 1700 reperti che raccontano la storia contadina di questi luoghi.
Il piano terra è occupato da 18 espositori che illustrano le principali attività lavorative connesse all’allevamento, all’agricoltura, all’artigianato del ferro, del legno e del cuoio, anche in connessione alla vita domestica, ai mercati e alle fiere anche al di fuori del paese. In un’altra sala del piano terra viene custodito e valorizzato il patrimonio immateriale della cultura contadina del territorio.
Al piano superiore dell’edificio è invece possibile ammirare un’esposizione dedicata alle feste, alla religiosità, ai giochi popolari, ai canti tradizionali.
All’esterno della Grancia è possibile trovare le piante raccontate all’interno del museo e che esemplificano le coltivazioni del territorio: la vigna, il frutteto, la macchia mediterranea, i grandi alberi, le piante aromatiche e medicinali.
Dal museo parte un itinerario di visita al territorio che arriva alle chiese rurali di  S. Rocco, S. Sebastiano e della Madonna della Cava.

CONTATTI
Museo della Terra – via dell’Osteria, 01010 Latera (VT)
Tel.: 0761459608 – 0761.459785
Facebook: https://www.facebook.com/MuseoDellaTerraLatera/
Sito web: https://www.simulabo.it/i-musei-del-sistema/museo-della-terra-latera/

 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

La nuova stagione di visite all’Oasi di Ninfa

A partire dal weekend del 16 e 17 marzo 2024 riapre ufficialmente al pubblico il Giardino di Ninfa. Pubblicato sul sito dell’Oasi Naturale il Calendario 2024.