Il Pane di Allumiere ha un impasto di semola rimacinata di grano duro, acqua e lievito naturale, senza sale aggiunto. È tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT).

Cotto nel forno a mattoni refrattari, alimentato con legna di castagno, il pane di Allumiere è a pagnotta o a filone e ha una tipica mollica gialla a grana fine, con un persistente profumo di cereali.

Fondata nel 1500, la città di Allumiere diviene comune autonomo solo nel 1825 per volontà di Papa Leone XIII, lo stesso pontefice che ordinò l’apertura di numerosi forni a legna per la lavorazione del pane. Ancora oggi, se ne trova uno del 1870.

Il Pane giallo della Tolfa è oggi noto come Pane giallo di Allumiere, prodotto a Tolfa e Allumiere.

Il Pane Giallo di Allumiere è in Sagra nel mese di ottobre.

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!