Prodotto solo a Bassiano, borgo arroccato ai piedi dei monti Lepini, il prosciutto di Bassiano è lavorato con metodi rigorosamente naturali e tradizionali che gli regalano il tipico colore rosa e un sapore intenso e poco salato.

Dalla forma tondeggiante e piatta e peso tra 7 e 10 kg, a distinguerlo dagli altri prosciutti nazionali è l’aromatizzazione. Si effettua con l’uso di una salsa di aglio, pepe e vino bianco. La lunga stagionatura per 17-18 mesi lo rende particolarmente sapido. Un’altra peculiarità è la rifilatura della cotenna fino al gambo.

La stagionatura naturale è di 10-12 mesi e il risultato finale è ottimo. Da più di 50 anni, i bassianesi gli dedicano una festa nell’ultima domenica di luglio, la Sagra del Prosciutto. Durante la Sagra si degustano anche altre prelibatezze locali, quali olive, olio, “giuncata” (latte cagliato) e “impanata” (siero e ricotta freschi spalmati sul pane).

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.