Sulle tracce della “Città fantasma” di Monterano

Seguiteci alla scoperta del mistero di Monterano, custodito all’interno della Riserva Naturale Regionale Monterano, tra i monti della Tolfa ed il lago di Bracciano.

Ci danno il benvenuto in questo scenario fantastico i resti imponenti di un castello e le copia di opere realizzate dal Bernini, alternate a suggestivi passaggi con pareti di tufo e archi di roccia naturali, cascate, sorgenti sulfuree, resti di necropoli etrusche.

Monterano

Seguendo un sentiero ammiriamo la cascata della Diosilla con le sfumature della sua acqua che vanno dal blu al bianco, al giallo ruggine per la presenza di zolfo, costeggiamo il torrente Bicione e la sorgente sulfurea che genera un’atmosfera irreale, fino ad arrivare al pianoro dove ci aspetta l’antica città di Monterano.

Monterano, abitato sin dall’età del bronzo, ha vissuto momenti di gloria in epoca etrusca, in epoca altomedievale ed un eccezionale fioritura artistica nel XVII secolo quando i famigliari di papa Clemente X Altieri, affidarono a Gian Lorenzo Bernini la realizzazione della chiesa, del convento e della fontana ottagonale di San Bonaventura regalando al borgo l’aspetto di una piccola capitale barocca fino a quando alla fine del Settecento a seguito di eventi sfortunati tutti i suoi abitanti si trasferirono altrove.

Monterano

Questi scorci da fiaba sono stati anche il set di famosi film ambientati nel passato, da Ben-Hur (1959) con Charlton Heston a Il marchese del grillo (1981) con Alberto Sordi.

Catturati in un’atmosfera senza tempo ci troviamo ad osservare i resti di un reperto archeologico di dimensioni eccezionali: un antico acquedotto con delle poderose arcate alte circa 9 metri, che affascina soprattutto perché formato da enormi massi incastonati senza calce.

Monterano

La fantasia popolare attribuisce quest’opera misteriosa al diavolo, il quale secondo la leggenda, volle dimostrare la sua potenza ad un monaco scettico, incontrato per caso lì vicino.

Pianta dell'Antica Monterano

Questa piacevole escursione, ideale per tutta la famiglia, è solo il punto di partenza del nostro viaggio: possiamo decidere di trascorre una notte nell’incantevole borgo medioevale di Bracciano ed essere pronti al mattino per una passeggiata lungo le sponde del suo lago.

Anguillara Sabazia, Trevignano, Oriolo Romano, Cerveteri, Allumiere, Tolfa sono solo alcune delle mete che possiamo raggiungere in questa nostra breve gita.

Curiosi…allora si parte!

Ulteriori informazioni:
https://www.comune.canalemonterano.rm.it/
http://www.monteranoriserva.it/

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...