Ad Atina le uve francesi sono acclimatate dal 1860 nei numerosi vitigni nobili impiantati da Pasquale Visocchi. Il celebre agronomo fece esperienza in Francia e imparò a sfruttare le favorevoli condizioni climatiche e del terreno in Ciociaria.

Il colore intenso sfuma dal rosso rubino ai riflessi violacei, tendente al granato con l’invecchiamento. L’odore fruttato e il sapore armonico, pieno, asciutto, a volte erbaceo, rendono l’Atina DOC un vino di gran classe. La gradazione minima è 12%. Servito a 18 – 20 °C è perfetto per primi piatti strutturati a base di carni e per la selvaggina da pelo.

La DOC «Atina» è riservata al vino appartenente alla tipologia “monovitigno bianco Semillon” nei tipi Rosso e Cabernet. Nella versione “riserva” deve invecchiare due anni, di cui almeno 6 mesi in botti di legno, con una gradazione minima 12.5%.

Cannellino e Cabernet di Atina

CantinAtina è l’evento di metà agosto che promuove i prodotti tipici della valle di Comino nel centro storico di Atina, con due protagonisti d’eccezione: il Cabernet di Atina Doc e il fagiolo cannellino di Atina Dop.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!