Meta, meta della mie brame, quale è la più bella del reame?

Un saltino alle Maldive… e perchè se abbiamo la Riviera di Ulisse, con la sua bellezza ancestrale!

Gaeta – Montagna spaccata – Grotta del turco

Una capatina al Lago Titicaca, sulla catena delle Ande… ma se ci possiamo sdraiare in un profumato prato al Lago di Martignano e perdere il sole con tanto di pattino pronto ad aspettarci… Titicaca VS Martignano… vince il secondo!

Passeggiatina sul Monte Fuji, macché! Abbiamo il Terminillo! Meglio di così! Bello d’inverno con la neve che lo imbianca, bucolico nella calda stagione con i suoi verdi prati! E poi… dove trovate una genziana profumata come quella che c’è cresce su questi prati!

Relax alle Terme di Beppu in Giappone? Faticosissimo… solo il pensiero di raggiungerle! Terme di Fiuggi, tutta e tutta la vita! Se le scelsero i Papi ci sarà una ragione!

Voglia di immergerci nella storia? Andiamo sul Machu Picchu, in Perù. Scherziamo…!!! Ma qui abbiamo il Parco di Vulci! E poi… Vogliamo parlare di Roma, un museo a cielo aperto…

Non vi è storia, come si suol dire. E’ una battaglia persa. Sfogliamo guide, consumiamo bulinicamente riviste di viaggi, fino a tarda notte siamo sul web… cerca e ricerca, la scelta cade sempre lì.

E’ finito, seppur parzialmente il lock down, dobbiamo partire, scegliere la meta più bella, gustosa, raffinata, ed emozionante….

Sul podio, con il trofeo numero uno, resta fiero e indiscusso il Lazio. E’ il Lazio la nostra meta del cuore. Ci è mancato, lo abbiamo desiderato e sognato in tutte le sue sfaccettature. Eccolo qui, è tutto per noi, aspetta solo noi!

Dai brulli Cancelli di Ostia, fino alla raffinata Fregene, spingendoci al Circeo con le sue acque che con tutto il rispetto… stravincono sui mari più esotici.

Promontorio del Circeo

I nostri borghi, con quel loro gusto medievale. Passeggi al loro interno ed è tutta una poesia che racconta con strofe ricercate tra i dialetti dei tanti campanili la storia, nostra, vostra, loro.

I profumi delle nostre cucine, siano esse sabine, ciociare, romane o della Tuscia, poco conta, perché sono buone tutte.

Se avete ancora qualche dubbio nella scelta della vostra meta vacanziera, googolate le Grotte di Pastena, Villa d’Este, il Castello di Torre Alfina, le Isole Pontine oppure le sorgenti di Santa Susanna e i vostri dubbi spariranno!

Buon Lazio!

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

#CarbonaraDay, una giornata mondiale da postare

Il 6 aprile è il Carbonara Day, si celebra un piatto tipico del Lazio e un’icona della cucina italiana nel mondo. Postate la vostra Carbonara con #carbonaraday.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

Più che colazione, brunch di Pasqua nel Lazio

La chiamano colazione di Pasqua ma somiglia di più a un brunch. Inizia appena svegli e finisce prima di tuffarsi sul divano, una vera maratona enogastronomica!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

8 marzo e Giulia Farnese, la Bella della Tuscia

Giulia Farnese, la Bella, muore il 23 marzo 1524. Dopo 500 anni, scopriamone storia e aneddoti inattesi nella Giornata Internazionale della Donna, l’8 marzo.