Il Cammino dei Briganti è un percorso di trekking, nella cornice dell’Appennino Centrale nel Cicolano, che attraversa una natura selvaggia e incontaminata, vecchie mulattiere e borghi dall’atmosfera medievale.

Riserva naturale regionale Montagne della Duchessa

Riserva naturale regionale Montagne della Duchessa

Un percorso di confine: per la Storia d’Italia, quando i Sabaudi entrarono nel Regno delle Due Sicilie nel percorso verso l’unificazione, e geografico, oggi tra Lazio e Abruzzo, ieri tra il Regno delle Due Sicilie e lo Stato Pontificio, dove i briganti si spostavano da una parte all’altra a cavallo, combattendo i nuovi arrivati.

Una storia di 150 anni fa che è diventata un itinerario sulle orme dei briganti della Banda di Cartore, comandata dal brigante Berardino Viola, ma anche quella degli uomini fedeli a Carmine Crocco e al generale spagnolo José Borjes.

Cicolano

Il cammino è ad anello ed è suddiviso in 7 tappe da percorrere in 7 giorni, con possibilità di alloggiare in antichi casali, per un totale di circa 100 km. Inoltre, trovandosi a quote medie, tra gli 800 e i 1300 metri, è adatto anche a famiglie sia a piedi sia in mountain bike e ha una sua credenziale denominata “salvacondotto” su cui raccogliere i timbri che certificano l’avvenuto percorso.

Si attraverseranno la Val de’ Varri, luogo incontaminato, e la Valle del Salto, scavata dall’omonimo fiume, con  borghi come Santo Stefano, Valdevarri e Poggiovalle paese di origine di diversi briganti, fra cui Michele e Berardino Pietropaoli, e ancora oggi, sulle pareti delle abitazioni si possono ammirare dipinti che raccontano antiche storie di fuorilegge.

Cicolano

Il borgo di Nesce, dai tratti medievali ma dalle origini più antiche, era un importante centro di epoca romana, capitale della Res Publica Aequicolanorum. Nelle vicinanze si trova un famoso birrificio artigianale.

Costeggiando il Fiume Salto, si passa dalla frazione di Villerose a Spedino dove, fuori dal centro abitato, si possono ammirare i ruderi del castello risalente all’XI secolo. Da non perdere anche la Chiesa di San Paolo con la necropoli annessa, fino ad arrivare a Cartore, un antico centro abitato nella Riserva naturale regionale Montagne della Duchessa, che dà il nome all’omonima banda di briganti della zona.

Da Cartore, attraverso sentieri Cai, si può raggiungere il Lago della Duchessa, chiamato così in onore di Margherita d’Austria. È di origine carsica, a 1788 metri, in una conca glaciale sovrastata da cime, è il lago più alto del Lazio ed uno dei più alti dell’Appennino centrale.

Lago della Duchessa

Lago della Duchessa

Ottime notizie per gli amanti di natura e trekking. Il Cammino dei Briganti, un percorso tra Lazio e Abruzzo, si estende nel Grande Cammino dei Briganti, in un percorso a piedi che collega le principali tappe storiche del brigantaggio meridionale attraverso cinque regioni italiane: Abruzzo, Lazio, Molise, Campania e Basilicata. Un itinerario da compiere in 35 giorni di cammino per un totale di 600 chilometri.

Per ulteriori informazioni sul Cammino e le singole tappe:
camminodeibriganti.it/
riservaduchessa.it/itinerari/cammino_briganti_in_riserva.html
grandecamminodeibriganti.wordpress.com/

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...