Il Ninfeo del Bramante, fiore all’occhiello di Genazzano

La bellezza del Lazio sta nella sua natura, quel verde che dal reatino scendendo verso la zona pontina muta nelle sue sfumature, mantenendo la costante della brillantezza. Ma la natura non è la sola attrattiva. C’è il cibo, con tutte le bontà che le nonne hanno tramandato. C’è l’arte di cui abbiamo un lascito incredibile!
Ed è proprio di questo che in questa idea di viaggio vogliamo parlarti.

Esiste un luogo speciale in provincia di Roma: Genazzano. Un luogo che esce dalla mano un architetto altrettanto speciale. Ma ciò a cui non sempre prestiamo attenzione è che molte opere che a noi sono arrivate, nacquero dalla richiesta, dalle bizze… forse, dai capricci può darsi, di quelle famiglie che secoli or sono, nemmeno troppi, hanno caratterizzato l’Italia.

Ninfeo del Bramante - Genazzano

Fatta questa premessa, doverosa e sincera, ti raccontiamo chi sono i protagonisti della tua meta: la famiglia Colonna, Donato “Donnino” di Angelo di Pascuccio, detto il Bramante, e un ninfeo, che divenne “il” Ninfeo, perché fu il Bramante a progettarlo! Andiamo a Genazzano e più precisamente al Ninfeo del Bramante.

Erano gli inizi del Cinquecento, quando i Colonna concepirono l’idea di realizzare un giardino nella valle di Soglia, dove avevano numerose proprietà e dove scorreva il Fossato, fiancheggiante la via pubblica che da Genazzano conduceva fino a Paliano.

Nel giardino erano presenti un lago e un Ninfeo. Furono individuati quattro gradoni che avrebbero articolato il lago in più specchi d’acqua su tre livelli; il primo si trova all’altezza del Ponticello sul Fossato, a monte del Ninfeo, il secondo e il terzo all’altezza dei fianchi del Ninfeo, il quarto corrisponde alla diga esistente a sud del Ninfeo, nominata nei documenti come Muro Lungo.

Ninfeo del Bramante - Genazzano

Il “Ninfeo” vero e proprio consiste in un casino con facciata a loggia di tre campate, aperta verso la valletta e absidata sui due lati corti. Dietro al portico si estende in parallelo un ambiente rialzato costituito da tre vani rettangolari voltati a crociera, le cui pareti sono articolate da nicchie circolari e rettangolari, il vano centrale è absidato. Sul fianco nord di questo ambiente si trova una stanza ottagona che presenta grandi nicchie disposte diagonalmente, con sedili al loro interno che consentivano di riposare godendo del fresco ombroso e dei getti d’acqua restando all’asciutto, e una vasca d’acqua circolare al centro. L’alimentazione doveva essere garantita da una sorgente vicina. Ai lati del corpo centrale della fabbrica ci sono due stanze quadrate con due rispettivi ambienti retrostanti.

Il resto lo vedrai con i tuoi occhi, altrimenti che fascino c’è?

La grandiosità e magnificenza di questa imponente opera, che coniuga le reminiscenze della classicità romana con le aspirazioni del classicismo rinascimentale, sono volte a creare un luogo suggestivo e magico, appartato sul bordo di un corso d’acqua e circondato dal verde dove il progettista ha voluto dare vita a un’armoniosa interazione tra l’uomo e la natura, testimoniando modelli di vita e di costume dell’aristocrazia rinascimentale.

Sarà un viaggio tra natura, arte e storia quello che farai al Ninfeo del Bramante, ma come ogni viaggio che si rispetti, fai una pausa dedicata alle tipicità gastronomiche del luogo. Fermati e ordina gli gnocchi al tiritello, ovvero la crusca, una farina integrale… molto integrale. In realtà gli gnocchetti di tiritello hanno la forma di fettuccine o tagliatelle molto spesse. Si fanno con la farina di crusca impastata con acqua fredda.

Prima di andar via fai capolino nel centro di Genazzano, è un delizioso borgo che si allunga su uno sperone tufaceo sovrastato dal Castello dei Principi Colonna, poche sono le strade che lo percorrono dall’alto in basso inframezzate da piazze più o meno grandi, in genere segnate dalla presenza di una Chiesa o di un edificio religioso.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Viaggio nei borghi Bandiera Arancione del Lazio

C’è un filo arancione che unisce 25 Comuni della regione. È quello del Touring Club Italiano che ogni anno assegna il riconoscimento di Bandiera Arancione a tutte quelle località che si contraddistinguono per l'eccellenza dell'offerta turistica e la qualità dello...

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

10 Bandiere Verdi nel Lazio top per famiglie

Scopriamo dove sventolano nel 2024 le 10 Bandiere Verdi nel Lazio, le 10 spiagge eccellenti per le famiglie per il mare pulito e i servizi a misura di bambino.

Un salto alle Cascate di Monte Gelato

Nella Valle del Treja c’è una meta ideale per ricaricarvi di energia positiva tra i boschi rigogliosi vicino a Mazzano Romano: le Cascate di Monte Gelato.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

I segreti sotterranei nei Connutti a Vignanello

Andiamo alla scoperta dei segreti sotterranei nei Connutti di Vignanello, gli straordinari spazi ipogei recuperati e resi fruibili con le visite guidate.

Le fonti di ristoro da Fiuggi a Collepardo

Dalle terme di Bonifacio al lago di Canterno, andiamo alla scoperta dell’acqua inseguendo la B Gialla in Ciociaria per il ristoro del corpo e dell’anima.

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 10 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!