Nella sala dei Musei Capitolini di Roma, tra i capolavori della scultura antica, colpisce una statua di bronzo, chiamata Spinario, raffigurante un giovane dalla posa piuttosto curiosa. Raffigura un bambino, per lo più dodicenne, seduto su un sedile di roccia, curvo in avanti nell’intento di togliersi una spina dal piede. Quel giovane si chiama Marzio, un pastorello di Vitorchiano il cui mito risale al IV sec. A.c..

La statua bronzea di Marzio ospitata dai Musei Capitolini- foto di www.museicapitolini.org

La statua bronzea di Marzio ospitata dai Musei Capitolini – foto di www.museicapitolini.org

La leggenda narra che quel ragazzo, nel tentativo di portare la notizia dell’attacco che l’esercito Etrusco stava preparando contro Roma, partì correndo verso la città. Durante il tragitto si trafisse il piede con una spina, la tolse e proseguì la sua eroica corsa. Giunto in Campidoglio fece appena in tempo ad avvertire i Romani del pericolo imminente, prima di morire esausto ai piedi dei senatori. Roma fu salva e Marzio entrò nel mito.

Ancora oggi il giovane è raffigurato in tante statue esposte nei musei più importanti del mondo. Senz’altro lo Spinario di bronzo, donato da Papa Sisto IV al popolo romano e ospitato dai Musei Capitolini, costituisce l’esempio più famoso e perfetto.

La statua di Marzio a Vitorchiano - foto di Alessandro Vagnoni

La statua di Marzio a Vitorchiano – foto di Alessandro Vagnoni

Anche Vitorchiano ha voluto ricordare il mito del compaesano Marzio con una statua in peperino, realizzata da Luigi Fondi nel 1979, posta all’ingresso del borgo in piazza Umberto I.

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Viaggio nei borghi Bandiera Arancione del Lazio

C’è un filo arancione che unisce 25 Comuni della regione. È quello del Touring Club Italiano che ogni anno assegna il riconoscimento di Bandiera Arancione a tutte quelle località che si contraddistinguono per l'eccellenza dell'offerta turistica e la qualità dello...

Roma e l’acqua, un’antica storia d’amore

Ecco le storie delle Fontane del Facchino, dei Quattro Fiumi, di Trevi, delle Tartarughe e “der Fontanone”, simboli della grandezza di Roma basata sull’acqua.

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

10 Bandiere Verdi nel Lazio top per famiglie

Scopriamo dove sventolano nel 2024 le 10 Bandiere Verdi nel Lazio, le 10 spiagge eccellenti per le famiglie per il mare pulito e i servizi a misura di bambino.

Un salto alle Cascate di Monte Gelato

Nella Valle del Treja c’è una meta ideale per ricaricarvi di energia positiva tra i boschi rigogliosi vicino a Mazzano Romano: le Cascate di Monte Gelato.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

I segreti sotterranei nei Connutti a Vignanello

Andiamo alla scoperta dei segreti sotterranei nei Connutti di Vignanello, gli straordinari spazi ipogei recuperati e resi fruibili con le visite guidate.

Le fonti di ristoro da Fiuggi a Collepardo

Dalle terme di Bonifacio al lago di Canterno, andiamo alla scoperta dell’acqua inseguendo la B Gialla in Ciociaria per il ristoro del corpo e dell’anima.

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 10 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.