Vitorchiano è un piccolo borgo medievale nella Tuscia, adagiato su un banco di roccia a strapiombo sui fossi profondi scavati dai fiumi. Le sue abitazioni sembrano un tutt’uno con lo sperone roccioso che le sostiene, tanto da essere stato soprannominato il Borgo sospeso.

I Profferli di Vitorchiano

I Profferli di Vitorchiano

Caratteristici elementi architettonici sono i Profferli, costituiti da una scala a una sola rampa che corre lungo la facciata dell’edificio. In cima alla scala una piccola loggia che precede la porta di ingresso dell’abitazione.

Le mura di cinta in peperino di Vitorchiano

Le mura di cinta in peperino di Vitorchiano

Tutti gli edifici dell’antica Vitorchiano, le piazzette, i vicoli, i palazzi con le scale esterne, i balconi e gli archi, sono di pietra scura, grigia. È il peperino, la tipica pietra locale che regala un colore inconfondibile al borgo. Mario Monicelli lo scelse proprio per le sue tinte grigiastre per girare alcune scene de “L’armata Brancaleone”, pellicola del 1966 magistralmente interpretata da un visionario Gassman, Volontè e una giovanissima Catherine Spaak.

Fontana a Fuso dove compare inciso SPQR, celebre acronimo di Roma

Fontana a Fuso dove compare inciso SPQR, celebre acronimo di Roma

Passeggiando per le vie del borgo con il naso all’insù può capitare di vedere ricorrente l’iscrizione SPQR, lo stemma di Roma, in numerose facciate di antiche case, inciso sulle architravi di porte e finestre del Palazzo Comunale e addirittura sulla torre d’ingresso al paese. Che cosa sta a indicare questo particolare curioso? Si tratta di una chiara testimonianza del legame speciale che unisce Vitorchiano alla città di Roma. Un legame che nasce nel lontano 1201, quando il borgo, per liberarsi dall’influenza della potente e vicina Viterbo, decise di diventare feudo di Roma. Il Senato Romano nominò in quell’occasione Vitorchiano “Terra Fedelissima all’Urbe”.

La statua del pastorello Marzio a Vitorchiano - foto di Alessandro Vagnoni

La statua del pastorello Marzio a Vitorchiano – foto di Alessandro Vagnoni

Un’altra vicenda, assai più antica, unisce Vitorchiano alla città di Roma. E’ la leggenda del giovane Marzio, il pastorello di Vitorchiano raffigurato in una scultura in peperino posta in piazza Umberto I all’ingresso del borgo.

Da non perdere la visita al Palazzo Comunale, custode di importanti documenti d’archivio, e alle belle Case di pietra del Podestà, del Rabbino, a indicare le presenza in passato anche di una comunità ebraica, di Santa Rosa, la patrona di Viterbo che qui fu esiliata nel 1250, e alla  cosiddetta ‘Casa della Strega’.

Il Moai di Vitorchiano

Il Moai di Vitorchiano

Pochi sanno che a Vitorchiano si trova l’unico Moai esistente fuori dall’Isola di Pasqua. Dopo attenta ricerca è stato scoperto che la pietra lavica più simile a quella originaria è proprio il peperino di Vitorchiano. Fu così che 11 indigeni Maori realizzarono il monolito a sembianza umana, uguale agli originali. È alto 6 metri e da lontano protegge il borgo viterbese e i suoi abitanti.

Il territorio circostante ha caratteristiche uniche che ne fanno l’habitat favorevole per animali selvatici come volpi, faine, donnole, falchi, civette, lepri e cinghiali. La flora è ricca di splendidi fiori e frutti selvatici, funghi porcini, castagne e nocciole.

Da non perdere le feste tradizionali che animano il borgo. Peperino in Fiore colora strade e case con i fiori all’inizio di giugno mentre la Sagra del Cavatello si scatena ad agosto con un trionfo di pasta acqua e farina con sugo al finocchio.

Vitorchiano è uno dei Borghi più Belli d’Italia nel Lazio ed è un borgo Bandiera Arancione, prestigioso riconoscimento assegnato dal Touring Club Italiano per la qualità dello sviluppo turistico-ambientale.

 

Social share
INFO UTILI
dist. da Roma 97 km
da non perdere Palazzo Comunale
sito web Comune di Vitorchiano

SCOPRI ANCHE

Prossedi

Immersa in un contesto naturalistico di grande fascino, Prossedi è...

Sezze

Su una collina che domina la Pianura Pontina, Sezze è ai piedi del...

Viticuso

Viticuso è il comune più orientale del Lazio. Chiuso tra le cime dei...

Isola del Liri

Isola del Liri è un gioiello della Ciociaria da visitare almeno una...