Natura, outdoor, cultura, enogastronomia ed eventi: paghi uno prendi cinque! Siamo a Leonessa, la terra della celebre “patata fritta, lessa o rescallata”.

Ogni stagione è giusta per salire in macchina e raggiungere questo delizioso borgo montano, meta per ogni tipo di sport all’aria aperta e di delizie culinarie. Leonessa è terra di bellezza, terra di emozioni, pietra preziosa che splende soprattutto in autunno grazie ai caldi colori dell’autunno che ricoprono le sue montagne, le calde sfumature rosse, arancio e gialle la incorniciano rendendola particolarmente suggestiva.

Leonessa

Se siete appassionati di sport, avete l’adrenalina a 1000, Leonessa è tutta vostra! Trekking, mountain bike, down hill, bici elettriche, moto, un vero regno dell’Outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate e che d’inverno!

Due terzi del territorio di Leonessa sono costituiti da boschi e pascoli d’alta montagna, zampillanti ruscelli, amene valli, da non perdere il Riofuggio, il Bosco della Vallonina che racchiude incastonate le stupende Valli dell’Organo, dove nell’anfiteatro naturale del monte Terminillo sorge la stazione sciistica di “Campo Stella”; il monte Tilia è raggiungibile mediante una seggiovia, che arriva in prossimità di un suggestivo laghetto montano da dove iniziare bellissime passeggiate, il posto ideale per gli amanti di natura e montagna.

Dopo tanta attività e con l’aria di montagna è normale avere un certo languorino che i prodotti e le specialità enogastronomiche leonessane sapranno sicuramente soddisfare. Da queste parti c’è solo l’imbarazzo della scelta: mozzarelle di bufala e formaggi da pascoli d’alta quota, lenticchie, farro e salumi tipici! La Patata è sicuramente il prodotto principe dell’economia agricola della piana di Leonessa, celebrata nell’ormai famosa “Sagra della Patata”, con il suo motto “Fritta, lessa, rescallata. Un piatto co’ li fiocchi: lo tartufu co’ li gnocchi”.

Leonessa

A Leonessa la si può gustare, tutto l’anno, nei gustosi gnocchi al sugo o conditi con il tartufo; patate fritte e la “rescallata”, semplice e saporita come tutte le ricette di un tempo, a base di patate lesse saltate in padella con cipolla e pancetta. Anche il dolce è fatto con il tubero ingrediente fondamentale per le deliziose ciambelle fritte! Sazi sì, ma non di Leonessa che continua a stupirci e darci mille motivi per continuarla a scoprire…

Da dove continuare? Nel centro storico si possono ammirare alcuni palazzi d’epoca come i Palazzi Mongalli di cui uno è ora sede del Comune, con un pregevole portale realizzato in pietra locale, il Palazzo Cherubini, nel quale nacque, nel 1899, il famoso compositore Bixio Cherubini e infine il Palazzo Ettore, che è il più grande palazzo di Leonessa.

Leonessa

In piazza VII Aprile, vi è la Fontana Margaritiana che risale al Cinquecento, mica una banalità! Così denominata, poiché fu un dono che, nel 1548, Margherita d’Austria volle fare alla città. Di antiche origini è anche la Fonte della Ripa del XII secolo, che costituiva la fonte del Castello di Ripa e, in origine, era l’unica risorsa idrica di Leonessa. Le sue acque provengono dalla limpida e fresca sorgente della Rocca.

La chiesa di San Francesco, dalla facciata romanico-gotica in pietra rossa locale, custodisce due opere d’arte rinascimentali: il Presepe in terracotta policroma e il Crocifisso ligneo. Nella cripta importanti affreschi che raffigurano l’Inferno, il Paradiso, la Madonna dell’Ulivo e alcune scene bibliche.

Allora, in questo fine settimana lasciate le vostre città, Leonessa è la meta fuoriporta ideale e vi aspetta a braccia aperte!

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...