Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un’emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 è stato ritrovato sui Monti Prenestini il dinosauro, soprannominato “Tito”, il primo sauropode italiano conosciuto attraverso resti scheletrici, a conferma che l’Italia fu una terra abitata dai dinosauri per lungo tempo.

La nostra esperienza parte con un viaggio alla scoperta del mondo dei fossili, attraverso l’osservazione della scogliera corallina cretacica fossile, Monumento Naturale della Regione Lazio. Su questo itinerario geologico-naturalistico che si snoda lungo un percorso di circa 1,5 km sulla via Genazzano affiorano resti di molluschi, spugne e coralli. Sono testimonianze della vita che fioriva in un mare tropicale circa 100 milioni di anni fa e proprio qui si riconoscono i fenomeni carsici che hanno modellato il territorio.

Un museo “a cielo aperto”, naturale estensione del Museo Geopaleontologico “Ardito Desio”, realizzato all’interno della Rocca del IX secolo, che dedica numerose iniziative ai visitatori di ogni età.
La visuale che si ha dalla terrazza presente sulla torre della rocca è spettacolare e spazia dai rilievi appenninici ai Colli Albani, dalla campagna romana alla pianura pontina.

Scogliera corallina cretacica fossile @parchilazio.it

Proseguiamo il nostro itinerario visitando il planetario, per scoprire la meraviglia del nostro universo. Sulla torre della rocca è presente un osservatorio astronomico che comprende un planetario stabile ed un planetario mobile. Tutti con il naso all’insù, dunque, in occasione di una delle tante serate divulgative organizzate per far osservare e conoscere le costellazioni nelle differenti stagioni, la Luna, i pianeti fino alle remote galassie, ma anche miti e tradizioni connessi all’osservazione della volta celeste.

Un’esperienza indimenticabile, da vivere assolutamente, non fatevela soltanto raccontare!

Monti Prenestini

***************

Per tutte le informazioni:

Museo Geopaleontologico “Ardito Desio” di Rocca di Cave
Piazza della Torre 11- 3355827864 –
museo.roccadicave@uniroma3.it;  info.hipparcos@gmail.com; geomuseoroccadicave@gmail.it

http://www.comune.roccadicave.rm.it/
https://www.parchilazio.it/

La Scogliera Corallina di Rocca di Cave è stata istituita “monumento naturale” con D.P.R.L. 03 ottobre 2016, n. 193 (B.U.R. 11 ottobre 2016, n. 81 S.O. n. 1)

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

100 sfumature di un secolo di Garbatella

I cento anni della Garbatella hanno disegnato superbe rughe nell’anima eclettica d’un quartiere strabordante di storia e arte, di tradizioni e romanità.

7 posti “al bacio” nel Lazio per San Valentino

Dove si può stare soli soletti a San Valentino nel Lazio? Ecco 7 posti “al bacio” riservati solo a voi e al vostro Amore! Buon San Valentino.

Il Carnevale goloso del Lazio

Nel periodo più colorato, allegro e divertente dell’anno, trasportati dalla leggerezza del carnevale scopriamo i ghiotti dolci della tradizione del Lazio.

Nel Lazio tra i 4 Carnevali Storici d’Italia

Tra i 48 Carnevali Storici italiani selezionati dal Ministero della Cultura, 4 sono nel Lazio. Scopriamo e viviamo i 4 borghi ospiti in Ciociaria e Tuscia.

Quando Mozart suonò a Civita Castellana

Il ricordo della visita di Mozart a Civita Castellana durante un viaggio in Italia. Nel Duomo di S.Maria Maggiore durante la Messa suonò lo straordinario organo

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 9 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!