Il Sedano Bianco di Sperlonga ha il marchio IGP dal 2010, coltivato principalmente nel territorio di Fondi e Sperlonga. È un prodotto iscritto al Registro volontario Regionale che tutela la biodiversità in agricoltura.

Sin dagli anni Sessanta ha raggiunto standard qualitativi molto alti per la severa selezione dei coltivatori della zona. È inconfondibile per la spiccata elasticità delle coste, il tipico colore bianco o biancastro, la minore resistenza alla rottura, la maggiore sapidità.

Si semina a partire da luglio, in un clima marittimo – temperato e su terreni calcarei e alluvionali. Da sempre l’area dei “Pantani”, tra il Lago di Sperlonga e il mar Tirreno, costituisce l’habitat naturale del sedano bianco per essere una zona paludosa, con la falda affiorante e un elevato grado di salinità. Tutto questo conferisce al Sedano bianco di Sperlonga la sapidità e il gusto dolce moderatamente aromatico che lo rendono particolarmente indicato a essere consumato fresco.

Le foglie e gli steli di sedano sono ottimi per preparare minestre e carni. Fresco è perfetto nel pinzimonio e con il pesce azzurro.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.