Le origini di Ciciliano risalgono al Medioevo, ma già nel paleolitico la zona era abitata da piccole tribù dedite alla caccia, poi dai Suffenates e quindi dai Romani.

Dal II secolo a. C. Ciciliano è un piccolo gioiello antico, arroccato e a volte nascosto nella nebbia, con vicoli, scale, piazzette, case e portali di pietra che portano al Castello Theodoli, nella parte più alta del borgo. È una maestosa costruzione medievale, più volte rimaneggiata fino ad assumere l’attuale aspetto con gli interventi dei Theodoli, caratteristico per le torri diverse tra loro, due splendidi giardini pensili, il giro di ronda, la cappella interna.

Girolamo Theodoli, dei Conti di Ciciliano, ereditò dal padre il governo del paese e come architetto progettò la Chiesa della “Madonna della Palla”. A Roma ideò, tra l’altro, la facciata del Teatro Argentina (1732), e la Basilica di Santa Maria in Montesanto, più nota come Chiesa degli Artisti (1758) a piazza del Popolo.

Tra gli edifici più interessanti troviamo la Chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo, del XVI secolo, che si affaccia su Piazza Maestro e la bellissima Chiesa di Santa Liberata, che conserva nella zona absidale un bel ciclo di affreschi della scuola di Antoniazzo Romano.

La Chiesa Madonna della Palla e il maestoso Castello Theodoli sono due dei luoghi con il maggior fascino che vi consigliamo di visitare. Di grande interesse l’area archeologica Trebula Suffenas, al Ponte della Fortuna, città dei Suffenates, popolo degli Equi e poi il Municipio Romano, con terme e ville con mosaici così preziosi da essere ora custoditi a Villa d’Este a Tivoli.

Piatto tipico del borgo sono le sagne con sugo finto, condite con sugo di pecora; tra le specialità troviamo anche il miele, il tartufo, gli gnocchi ‘ncati con sugo di sedano, la polenta con sugo di lumache, la pontega, simile alla polenta.

Il calendario degli eventi è davvero molto ricco, ecco alcune feste in programma nel corso dell’anno: la Festa dell’Inchinata, la Festa della Panarda, la Festa di Santa Liberata nel mese di agosto e l’attesissima Sagra delle sagne a settembre.

INFO UTILI
distanza da Roma 46 km
da non perdere Castello Theodoli
sito web Comune di Ciciliano

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...