Isola del Liri è un gioiello della Ciociaria da visitare almeno una volta nella vita. Ma cosa c’è da vedere nel borgo e dintorni? Scopritelo nel nostro minitour di 3 giorni, tra fiaba e horror.

ISOLA DEL LIRI FR Obbligo di baciarsi Ig @namelessess

Isola del Liri Ig @namelessess

Lo spettacolare centro storico di Isola del Liri nasce nel Medioevo ai piedi della Cascata Grande, lo scroscio di 27 metri che fa innamorare tutti. E anche chi ha il cuore troppo indurito è “obbligato” a fermarsi per un indimenticabile bacio sullo sfondo dell’isola ciociara con tanto di #KissnefregaseGlialtriciGuardano da postare sui social! Così scenografica, è l’unica cascata nel centro storico in Italia e in Europa, al 2° posto tra le dieci meraviglie naturali d’Italia per Skyscanner.

ISOLA DEL LIRI FR Ig @discover.ciociaria

Isola del Liri Ig @discover.ciociaria

Ma cosa ha causato questa peculiarità così sbalorditiva a ogni ora del giorno e della notte? Puntiamo il dito sul Castello Boncompagni Viscogliosi ed entriamo calcandone il ponte medievale. È questo palazzo fortificato a difesa della piana di Sora che obbliga il Liri a biforcarsi. La Natura ha fatto il resto creando due cataratte spumeggianti.
Dall’anno Mille, ha ospitato i Della Rovere e poi la famiglia Boncompagni, ma solo nel 1600 si tramutò in una vera residenza signorile grazie a Costanza Sforza. La impreziosì con affreschi d’ispriazione biblica, 18 altorilievi in stucco dei comuni nel ducato di Sora nel Salone dei Diciotto Paesi, statue che personificano le virtù di un buon principe e uno splendido giardino all’italiana con la Cappella dedicata alla Madonna delle Grazie.

ISOLA DEL LIRI FR Villa Nota Pisani foto www.prolocoisolaliri.it

Villa Nota Pisani foto www.prolocoisolaliri.it

Perlustrando Isola del Liri, scoviamo qualcosa di diversamente meraviglioso: è la Villa Nota – Pisani, o Villa Lefebvre. Fu commissionata ad artisti francesi dai Lefebvre, la nobile famiglia di imprenditori nell’industria cartaria che nel 1816 fondò l’omonima cartiera, determinando lo sviluppo economico del borgo. Fino all’inizio del Novecento abitarono in questa villa dallo stile eclettico.

ISOLA DEL LIRI FR Villa Nota Pisani affesco foto www.prolocoisolaliri.it

Villa Nota Pisani foto www.prolocoisolaliri.it

L’interno è decorato con affreschi, trompe l’oeil e papier peint accarezzati dalla luce delle vetrate in stile Belle Époque. All’esterno c’è il grande parco all’ombra di tetti aguzzi, abbaini, guglie e pinnacoli, con romantici viali circondati da fontane e piante secolari ad alto fusto. Nei primi del Novecento l’acquistò il Cavavalier Antonio Pisani e fu poi ereditata dalla famiglia Nota. La villa è visitabile durante le giornate di apertura straordinaria delle Dimore Storiche del Lazio e per eventi privati.

SORA FR Rocca Sorella Ig @near_rome

Rocca Sorella Ig @near_rome

Meno di 10 km e, in men che non si dica, ci spostiamo a Sora per raggiungere un monumento naturale: il Castello di San Casto e Cassio, o Rocca Sorella. Siamo al cospetto dei ruderi di un castello del VI secolo a.C. sul monte San Casto, meta imperdibile per gli amanti del trekking.
Questa fortificazione a difesa del Regno di Napoli fu prima dominio volsco, poi romano e longobardo. Solo nel 1520 è divenuta una residenza nobiliare e ha ospitato le famiglie Cantelmo, Della Rovere, Boncompagni e Borgia.
I ruderi sono visitabili partendo a piedi dal quartiere Canceglie a Sora, percorrendo la dorsale rocciosa di monte San Casto. Il panorama sulla valle del Liri è spettacolare mentre costeggiate le mura poligonali e varcate la porta a sesto acuto per vedere i bastioni e la torre esagonale.

Fumone FR Castello Fb @castellodifumoneofficial

Castello di Fumone Fb @castellodifumoneofficial

È tempo di spostarci a Fumone… a caccia di fantasmi! Poco più di 40 km e raggiungiamo questo borgo acchiocciolato attorno al Castello. Luogo inquieto e paradisiaco al tempo stesso, svetta dal IX secolo tra i monti Ernici e i Lepini e appartiene ai marchesi Longhi De Paolis dalla fine del 1500.

Fumone FR Castello - giardino pensile Fb @castellodifumoneofficial

giardino pensile Fb @castellodifumoneofficial

Il meraviglioso giardino pensile più alto d’Europa si staglia a quota 800 metri su 3.500 mq abitati da alberi secolari! Da questo giardino all’italiana, il panorama spazia sulla Ciociaria fino a Roma. Da questa rocca inespugnabile, infatti, partiva una colonna di fumo durante le invasioni e, di borgo in borgo, si ripeteva lo stesso segnale fino a raggiungere Roma. Un sistema impeccabile che ha generato persino un detto: Quando Fumone fuma tutta la campagna trema.
Nella rocca fu imprigionato e morì Celestino V, il papa “ignavo” di Dante Alighieri che rinunciò al soglio pontificio. Durante la visita guidata vedrete la prigione e il Santuario di Celestino V, la cappellina eretta dai Longhi in suo onore.
Le sale degli Stemmi e degli Antenati sono autocelebrative e sfoggiano antichi ritratti e ornamenti della famiglia Longhi De Paolis.

Castello di Fumone Ig @castellodifumoneofficial

Castello di Fumone Ig @castellodifumoneofficial

Nell’Archivio del Castello troverete l’inquietante salma di Francesco Longhi Caetani. Morì da bambino per ragioni ancora oscure tanto da ispirare alcune macabre leggende popolari.
Paura? Non sapete cosa vi aspetta! Arrivati al Piano Nobile, ci accoglie il Pozzo delle Vergini, un dettaglio non poco inquietante. Ecco la sua storia. Il feudatario aveva il diritto di trascorrere la “prima notte” con le fanciulle in procinto di sposarsi ma quelle impure le gettava nel Pozzo. Terrificante usanza decaduta… ma ancora di fantasmi, neanche l’ombra! O non ce l’hanno l’ombra?

Lago di Canterno Ig @cla_green

Lago di Canterno Ig @cla_green

Una sagoma oblunga appare all’improvviso davanti a noi: è lui, il fantasma! Siamo arrivati al lago di Canterno, tra Fumone, Ferentino, Fiuggi e Trivigliano. Perché è detto “lago fantasma”? Nel 1800, un inghiottitoio di questa conca paludosa si ostruì con i detriti. Fu così che le acque si riversarono nella parte più bassa creando un nuovo lago. Dopo giorni, mesi o anni, i detriti si discioglievano e si riaccumulavano e, all’improvviso, il lago spariva o riappariva, proprio come un fantasma!
Non ci credete? Abbiamo un testimone. Vive al lago da un tempo imprecisato. Ve lo presentiamo, è un tronco d’albero che affiora e scompare a circa 40 mt dalla costa rivolta verso Fiuggi.

Volete fare questo tour? Approfittate della promozione Più notti, Più sogni. + Experience valida fino al 30 novembre 2022!

Per maggiori informazioni:
Cascata Grande a Isola del Liri
Castello Boncompagni Viscogliosi a Isola del Liri
Villa Nota Pisani a Isola del Liri
Castello di San Casto e Cassio a Sora
Castello Longhi – De Paolis a Fumone
Lago di Canterno
Riserva Naturale del Lago di Canterno

Scopri tutte le offerte di soggiorno grazie a Più Notti, Più Sogni + Experience

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...