Isola del Liri è un gioiello della Ciociaria da visitare almeno una volta nella vita. Ma cosa c’è da vedere nel borgo e dintorni? Scopritelo nel nostro minitour di 3 giorni, tra fiaba e horror.

ISOLA DEL LIRI FR Obbligo di baciarsi Ig @namelessess

Isola del Liri Ig @namelessess

Lo spettacolare centro storico di Isola del Liri nasce nel Medioevo ai piedi della Cascata Grande, lo scroscio di 27 metri che fa innamorare tutti. E anche chi ha il cuore troppo indurito è “obbligato” a fermarsi per un indimenticabile bacio sullo sfondo dell’isola ciociara con tanto di #KissnefregaseGlialtriciGuardano da postare sui social! Così scenografica, è l’unica cascata che precipita in Italia nel centro storico, al 2° posto tra le dieci meraviglie naturali d’Italia per Skyscanner.

ISOLA DEL LIRI FR Ig @discover.ciociaria

Isola del Liri Ig @discover.ciociaria

Ma cosa ha causato questa peculiarità così sbalorditiva a ogni ora del giorno e della notte? Puntiamo il dito sul Castello Boncompagni Viscogliosi ed entriamo calcandone il ponte medievale. È questo palazzo fortificato a difesa della piana di Sora che obbliga il Liri a biforcarsi. La Natura ha fatto il resto creando due cataratte spumeggianti.
Dall’anno Mille, ha ospitato i Della Rovere e poi la famiglia Boncompagni, ma solo nel 1600 si tramutò in una vera residenza signorile grazie a Costanza Sforza. La impreziosì con affreschi d’ispriazione biblica, 18 altorilievi in stucco dei comuni nel ducato di Sora nel Salone dei Diciotto Paesi, statue che personificano le virtù di un buon principe e uno splendido giardino all’italiana con la Cappella dedicata alla Madonna delle Grazie.

ISOLA DEL LIRI FR Villa Nota Pisani foto www.prolocoisolaliri.it

Villa Nota Pisani foto www.prolocoisolaliri.it

Perlustrando Isola del Liri, scoviamo qualcosa di diversamente meraviglioso: è la Villa Nota – Pisani, o Villa Lefebvre. Fu commissionata ad artisti francesi dai Lefebvre, la nobile famiglia di imprenditori nell’industria cartaria che nel 1816 fondò l’omonima cartiera, determinando lo sviluppo economico del borgo. Fino all’inizio del Novecento abitarono in questa villa dallo stile eclettico.

ISOLA DEL LIRI FR Villa Nota Pisani affesco foto www.prolocoisolaliri.it

Villa Nota Pisani foto www.prolocoisolaliri.it

L’interno è decorato con affreschi, trompe l’oeil e papier peint accarezzati dalla luce delle vetrate in stile Belle Époque. All’esterno c’è il grande parco all’ombra di tetti aguzzi, abbaini, guglie e pinnacoli, con romantici viali circondati da fontane e piante secolari ad alto fusto. Nei primi del Novecento l’acquistò il Cavavalier Antonio Pisani e fu poi ereditata dalla famiglia Nota. La villa è una Dimora Storica del Lazio visitabile con la guida.

SORA FR Rocca Sorella Ig @near_rome

Rocca Sorella Ig @near_rome

Meno di 10 km e, in men che non si dica, ci spostiamo a Sora per raggiungere un monumento naturale: il Castello di San Casto e Cassio, o Rocca Sorella. Siamo al cospetto dei ruderi di un castello del VI secolo a.C. sul monte San Casto, meta imperdibile per gli amanti del trekking.
Questa fortificazione a difesa del Regno di Napoli fu prima dominio volsco, poi romano e longobardo. Solo nel 1520 è divenuta una residenza nobiliare e ha ospitato le famiglie Cantelmo, Della Rovere, Boncompagni e Borgia.
I ruderi sono visitabili partendo a piedi dal quartiere Canceglie a Sora, percorrendo la dorsale rocciosa di monte San Casto. Il panorama sulla valle del Liri è spettacolare mentre costeggiate le mura poligonali e varcate la porta a sesto acuto per vedere i bastioni e la torre esagonale.

Fumone FR Castello Fb @castellodifumoneofficial

Castello di Fumone Fb @castellodifumoneofficial

È tempo di spostarci a Fumone… a caccia di fantasmi! Poco più di 40 km e raggiungiamo questo borgo acchiocciolato attorno al Castello. Luogo inquieto e paradisiaco al tempo stesso, svetta dal IX secolo tra i monti Ernici e i Lepini e appartiene ai marchesi Longhi De Paolis dalla fine del 1500.

Fumone FR Castello - giardino pensile Fb @castellodifumoneofficial

giardino pensile Fb @castellodifumoneofficial

Il meraviglioso giardino pensile più alto d’Europa si staglia a quota 800 metri su 3.500 mq abitati da alberi secolari! Da questo giardino all’italiana, il panorama spazia sulla Ciociaria fino a Roma. Da questa rocca inespugnabile, infatti, partiva una colonna di fumo durante le invasioni e, di borgo in borgo, si ripeteva lo stesso segnale fino a raggiungere Roma. Un sistema impeccabile che ha generato persino un detto: Quando Fumone fuma tutta la campagna trema.
Nella rocca fu imprigionato e morì Celestino V, il papa “ignavo” di Dante Alighieri che rinunciò al soglio pontificio. Durante la visita guidata vedrete la prigione e il Santuario di Celestino V, la cappellina eretta dai Longhi in suo onore.
Le sale degli Stemmi e degli Antenati sono autocelebrative e sfoggiano antichi ritratti e ornamenti della famiglia Longhi De Paolis.

Castello di Fumone Ig @castellodifumoneofficial

Castello di Fumone Ig @castellodifumoneofficial

Nell’Archivio del Castello troverete l’inquietante salma di Francesco Longhi Caetani. Morì da bambino per ragioni ancora oscure tanto da ispirare alcune macabre leggende popolari.
Paura? Non sapete cosa vi aspetta! Arrivati al Piano Nobile, ci accoglie il Pozzo delle Vergini, un dettaglio non poco inquietante. Ecco la sua storia. Il feudatario aveva il diritto di trascorrere la “prima notte” con le fanciulle in procinto di sposarsi ma quelle impure le gettava nel Pozzo. Terrificante usanza decaduta… ma ancora di fantasmi, neanche l’ombra! O non ce l’hanno l’ombra?

Lago di Canterno Ig @cla_green

Lago di Canterno Ig @cla_green

Una sagoma oblunga appare all’improvviso davanti a noi: è lui, il fantasma! Siamo arrivati al lago di Canterno, tra Fumone, Ferentino, Fiuggi e Trivigliano. Perché è detto lago fantasma? Nel 1800, un inghiottitoio di questa conca paludosa si ostruì con i detriti. Fu così che le acque si riversarono nella parte più bassa creando un nuovo lago. Dopo giorni, mesi o anni, i detriti si discioglievano e si riaccumulavano e, all’improvviso, il lago spariva o riappariva, proprio come un fantasma!
Non ci credete? Abbiamo un testimone. Vive al lago da un tempo imprecisato. Ve lo presentiamo, è un tronco d’albero che affiora e scompare a circa 40 mt dalla costa rivolta verso Fiuggi.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

100 sfumature di un secolo di Garbatella

I cento anni della Garbatella hanno disegnato superbe rughe nell’anima eclettica d’un quartiere strabordante di storia e arte, di tradizioni e romanità.

7 posti “al bacio” nel Lazio per San Valentino

Dove si può stare soli soletti a San Valentino nel Lazio? Ecco 7 posti “al bacio” riservati solo a voi e al vostro Amore! Buon San Valentino.

Il Carnevale goloso del Lazio

Nel periodo più colorato, allegro e divertente dell’anno, trasportati dalla leggerezza del carnevale scopriamo i ghiotti dolci della tradizione del Lazio.

Nel Lazio tra i 4 Carnevali Storici d’Italia

Tra i 48 Carnevali Storici italiani selezionati dal Ministero della Cultura, 4 sono nel Lazio. Scopriamo e viviamo i 4 borghi ospiti in Ciociaria e Tuscia.

Quando Mozart suonò a Civita Castellana

Il ricordo della visita di Mozart a Civita Castellana durante un viaggio in Italia. Nel Duomo di S.Maria Maggiore durante la Messa suonò lo straordinario organo

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 9 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!